• Procedura
    25 minuti
  • Persone
    6
  • Difficoltà
    facile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Spaghetti piccanti con gamberi

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    500 g di spaghetti
    500 g di code di gamberi
    3 zucchine
    2 carote
    1 porro
    1 costa di sedano
    1 bicchiere di vino bianco
    1 foglia di alloro
    1 piccolo peperoncino
    6 cucchiai di olio extravergine di oliva
    sale

    1) Prepara i gamberi. Lava e sguscia i gamberi , mantenendo attaccate le parti finali delle code e conserva i gusci.Incidi il dorso delle code con la punta del coltellino ed elimina il filetto nero. Porta a ebollizione abbondante acqua nella pentola, salala e cuoci i gusci dei gamberi per circa 10 minuti. Sgocciolali con il mestolo e buttali via, tenendo da parte l'acqua di cottura.
    2) Fai il condimento. Spunta zucchine e carote. Spella le carote e togli al porro radici, membrane esterne e parte verde. Priva il sedano dei filamenti. Lava tutte le verdure, asciugale e tagliale a listarelle sottili. Priva il peperoncino del picciolo e dei semi e tritalo finemente. Rosola il peperoncino con metà olio nella padella, unisci le code dei gamberi e cuocile per circa 1 minuto. Bagnale con metà vino, cuocile per 1 altro minuto, sala e versa il tutto nella ciotola. Scalda nella stessa padella l'olio rimasto, unisci le verdure, tranne le zucchine, l'alloro lavato e cuoci per 3-4 minuti. Aggiungi le zucchine, mescola, bagna con il vino rimasto, sala e cuoci per altri 2 minuti a fiamma viva.
    3) Cuoci gli spaghetti e servi. Porta a ebollizione l'acqua di cottura dei gusci. Tuffa gli spaghetti e cuocili al dente per circa 8-12
    minuti, seguendo le indicazioni riportate sulla confezione. Scolali e tieni da parte 1/2 bicchiere della loro acqua di cottura. Versa gli spaghetti e l'acqua di cottura nella padella con le verdure, unisci i gamberi con il loro sugo e cuoci per qualche istante, mescolando. Decora, a piacere, con peperoncini e foglie di alloro e servi.

    Riproduzione riservata