• Procedura
    35 minuti
  • Persone
    4
  • Difficoltà
    facile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Spaghetti dello chef

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    400 g di spaghetti
    200 g di salsiccia piccante
    un cespo di radicchio di Chioggia
    un piccolo cespo di lattuga
    2 spicchi di aglio
    olio
    4 cucchiai di pecorino grattugiato
    sale
    pepe
    Facoltativo: un peperoncino

    COME SI PREPARA
    Mondate i 2 tipi di insalata, eliminando anche i cuori. Lavate le foglie sgrondatele bene e tagliatele a listarelle (foto 1). Se le foglie, di radicchio hanno la costola bianca moltogrossa, eliminatela prima di tagliare l'insalata a striscioline. Sbucciate gli spicchi di aglio e metteteli in una padella con 3-4 cucchiai di olio: fateli rosolare finché risulteranno ben dorati, poi schiacciateli con una forchetta etoglieteli dal recipiente. (Se preferite, potete sostituire gli spicchi di aglio con una punta di cucchiaino di pasta di aglio e la stessa quantità di pasta di cipolla che si trova in tubo). Nel frattempo spellate e tagliate a rondelle la salsiccia, poi mettetela nel condimento (foto 2) e fatela dorare per qualche minuto mescolando spesso. Intanto avrete messo sul fuoco l'acqua per la cottura degli spaghetti. Portatela a ebollizione, salatela e buttatevi gli spaghetti che cuocerete ben al dente. Mettete nel recipiente con la salsiccia le listarelle di insalata, rigirandole bene (foto 3), in modo che assorbano il condimento. Insaporitele con una presa di sale e a fuoco medio lasciatele appassire (ma non troppo) per 6-7 minuti. Aromatizzatele con una macinata di pepe. (Se invece volete un gusto ancora più piccante, potete aggiungere un peperoncino, che toglierete a fine cottura, eliminando in tal caso il pepe). Non appena la pasta sarà cotta, scolatela ma non completamente; quindi buttatela nella padella del sugo, aggiungete il pecorino (foto 4), mescolate tutto insieme per qualche istante, poi trasferite la pasta in una terrina e servitela subito in tavola ben calda.
    Riproduzione riservata