• Procedura
    2 ore
  • Persone
    4
  • Difficoltà
    facile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Polenta campagnola

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    400 g di farina gialla
    un cotechino di 600 g
    250 g di lenticchie (tenute a bagno per 12 ore)
    una cipolla
    una costola di sedano
    una carotina
    una foglia di alloro
    un cucchiaio di concentrato di pomodoro
    olio
    brodo
    sale.

    COME SI PREPARA
    Avvolgete il cotechino, prima punzecchiato, in una garza, mettetelo in acqua fredda e cuocetelo per circa un'ora e mezza o poco più a fuoco molto basso e a recipiente coperto (fate in modo che resti sempre sommerso dall'acqua). Mondate e tritate cipolla, carota e sedano (foto 1), metteteli in una casseruola con 3 cucchiai di olio e fateli appassire piano. Unitevi le lenticchie (che avrete in precedenza scolato (dopo aver eliminato quelle che si trovano sulla superficie dell'acqua), e cotto per circa un'ora (foto 2), la foglia di alloro e il concentrato di pomodoro diluito in un mestolo di brodo (foto 3). Cuocete per 15 minuti, unendo ancora un po' di brodo. Salate. Versate nel paiolo o in altro recipiente adatto alla cottura della polenta un litro e un quarto di acqua: portatela a ebollizione, salatela e versatevi a pioggia la farina gialla, mescolando in continuazione con un lungo cucchiaio di legno. Cuocete la polenta per almeno 50 minuti, rimestando quasi sempre. A cottura ultimata, mettete la polenta in uno stampo a ciambella inumidito o unto di olio, pressatela e passatela per 5 minuti in forno caldo a 200°. Intanto anche il cotechino sarà cotto; scolatelo, spellatelo, tagliatelo a fette alte che tagliarete a dadini (foto 4); unite questi ultimi alle lenticchie e mescolate. Cuocete per 5 minuti tutto insieme unendo ancora un po' di brodo. Rovesciate la ciambella di polenta su un piatto da portata e nella cavità centrale versate l'intingolo di lenticchie e cotechino.
    Riproduzione riservata