Penne alla zingara con lo speck

 
  • Procedura 1 ora 20 minuti
  • Cottura 50 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facilissima

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Penne alla zingara con lo speck

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    320 g di penne rigate
    100 g di speck Alto Adige IGP in una sola fetta + 4 fettine sottili
    2 scalogni o 1 cipolla
    200 g di pomodori maturi, ma sodi
    1 piccolo peperone rosso
    1 piccolo peperone giallo
    1,5 dl di panna fresca
    1 ciuffo di prezzemolo
    olio extravergine di oliva
    sale e pepe


    1 Spella i peperoni. Lava i peperoni, mettili sulla placca foderata con carta da forno bagnata e strizzata e falli arrostire con un filo d'acqua in forno a 200°C per 30-35 minuti, girandoli ogni tanto, finché la pelle tenderà a staccarsi. Falli intiepidire chiusi in un sacchetto per alimenti, spellali ed elimina piccioli e semi. Riducili in falde, poi a striscioline e quindi a dadini. Trasferiscili in una ciotola e condiscili con poco olio, sale e pepe.
    2 Prepara il sugo. Scotta i pomodori in acqua bollente per 1 minuto, sgocciolali, raffreddali sotto acqua fredda, spellali, privali dei semi e riducili a dadini. Taglia i 100 g di speck Alto Adige IGP in una sola fetta a dadini. Rosola gli scalogni o la cipolla tritati in una larga padella antiaderente con 3 cucchiai d'olio e lo speck a dadini per 3-4 minuti. Unisci i pomodori e i peperoni e prosegui la cottura per 2-3 minuti. Versa la panna, mescola, fai restringere per 1 minuto, sala, pepa e spegni.
    3 Completa e servi. Porta a ebollizione abbondante acqua in una pentola, sala e cuoci le penne per il tempo indicato sulla confezione. Intato, scalda un padellino antiaderente senza grassi e rosola leggermente le 4 fettine di speck Alto Adige IGP tagliate a listarelle. Sgocciola la pasta e trasferiscila nella padella con il sugo, sotto la quale avrai riacceso il fuoco. Mescola e lascia insaporire per 1-2 minuti. Spolverizza con il prezzemolo tritato e mescola ancora. Completa con le listarelle rosolate di speck e servi.
    Riproduzione riservata