Malloreddus alle vongole

4/5
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Malloreddus alle vongole


    invia tramite email stampa la lista

    Preparazione

    1) Lasciate a bagno 500 g di vongole per 2 ore in acqua fredda salata, cambiandola più volte ed eliminando i residui di sabbia. Scaldate un filo di olio con 2 spicchi d'aglio spellati, unite le vongole e irroratele con 1/2 bicchiere di vino bianco. Coprite con il coperchio e fatele aprire a fiamma viva, scuotendo di tanto in tanto la padella. Trasferitele in una ciotola, eliminate quelle chiuse e sgusciatene metà.

    2) Filtrate il liquido di cottura attraverso un colino a maglie fitte foderato con un telo. Scottate 2 pomodori maturi per qualche istante in acqua bollente, sgocciolateli, spellateli, eliminate i semi e tagliateli a dadini. Disponeteli in una ciotola con 1 spicchio d'aglio tritato e 2-3 cucchiai di olio.

    3) Fate addensare in una padella il liquido di cottura delle vongole. Cuocete 400 g di malloreddus in acqua bollente poco salata. Scolateli e saltateli nella padella con tutte le vongole e il loro liquido. Completate con i dadini di pomodoro, erba cipollina tagliuzzata e pepe.


    I malloreddus sono un formato di pasta tipico della Sardegna, infatti vengono spesso chiamati anche gnocchetti sardi. Sono creati a mo' di conchiglie rigate lunghe solitamente un paio di centimetri, preparati con farina di semola e acqua e si apprestano a varie preparazioni. Qui potete gustarli con le vongole, qui trovate tante altre ricette con i malloreddus.

    di IN TAVOLA Riproduzione riservata