Filetto di San Pietro al timo con carciofi

  • Procedura
    30 minuti
  • Cottura
    15 minuti
  • Persone
    2
  • Difficoltà
    facile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Filetto di San Pietro al timo con carciofi

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    un filetto di pesce San Pietro (circa 300 g)
    2 carciofi con le spine
    un limone
    2 cucchiai di farina gialla
    un mazzetto di timo fresco
    2 carote
    2 spicchi di aglio
    3 cucchiai di olio
    sale, pepe

    La ricetta in diretta con un grosso coltello Vissani incide il pesce per tutta la lunghezza e scalca dalla lisca un
    filetto, lo appoggia sul tagliere, lo taglia a metà, rifila le sfrangiature e lo mette su un piatto. Passa poi ai carciofi:
    elimina le foglie più esterne, taglia le punte in obliquo, poi, con un coltellino da cucina, assottiglia i gambi e tornisce
    i carciofi. Li sfrega con mezzo limone per mantenere il loro bel colore verde e li immerge in acqua fredda, sempre
    acidulata con succo di limone. Li scola, li taglia a spicchietti eliminando le spine interne. Sparge la farina gialla su
    una placchetta e la mescola con il timo sbriciolato, poi infarina i mezzi filetti e li mette su un piatto. Taglia le carote
    prima a lunghe fettine sottili con un pelapatate, poi a julienne e le immerge subito dopo in acqua e ghiaccio.
    E' il momento della cottura. Scola i carciofi dall'acqua e li asciuga bene. Sceglie due padelle a fondo spesso perché,
    spiega, diffonde più uniformemente il calore. In una fa soffriggere uno spicchio di aglio schiacciato con 2 cucchiai
    di olio, aggiunge i carciofi, timo fresco, condisce con sale e una bella macinata di pepe e lascia cuocere 3-4 minuti.
    Intanto mette al fuoco l'altra padella e, sempre con poco olio e aglio, rosola i filetti di pesce girandoli con una spatola
    dopo un paio di minuti. Alla fine toglie dal fuoco i carciofi, scola via un po' del loro fondo di cottura e li distribuisce sui
    piatti. Unisce qualche cucchiaio di acqua al fondo rimasto nella padella, fa restringere a fuoco vivo, poi frulla tutto, passa
    la salsa ottenuta al chinois e la riversa nella padella. Ancora una fiammata per restringere e il gioco è fatto. Non resta
    che distribuire tutto sui piatti e servire.
    Riproduzione riservata