ricetta tartare classica

Come si prepara la tartare classica

  • 08 03 2021
La tartare classica: una delle più famose ricette di carne cruda della cucina internazionale. Se piace, è un piatto raffinato, appetitoso, ma anche facilissimo e velocissimo da preparare
  • Persone
    4
  • Difficoltà
    facilissima

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Come si prepara la tartare classica

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Le origini della ricetta della tartare sono molto antiche e pare risalgano ai Tartari che trasportavano pezzi di carne sotto le selle dei cavalli, affinché si macinassero e ammorbidissero durante il trasporto diventando pronte per esse consumate, una volta arrivati a destinazione.

    Gli ingredienti per la tartare classica

    La tartare classica è un piatto freddo che si prepara partendo da una base di  polpa di carne magra di manzo o di vitellone, tritata finemente al coltello  e condita con prezzemolo, tuorlo d'uovo, cipolla e salse piccanti; oppure, semplicemente con olio extravergine d'oliva, succo di limone e pepe.

    Fondamentale che la carne macinata sia freschissima.

    Come scegliere la carne per la tartare classica e in quali tagli

    Se vuoi gustare una tartare classica meravigliosa, la prima cosa da fare è scegliere il taglio di carne giusto da mangiare crudo. Naturalmente il tuo macellaio di fiducia può esserti di grande aiuto ma, se scegli la carne al supermercato, è bene diffidare delle carni a basso costo: i prezzi “stracciati” sono la spia di qualità e controllo scadenti. Controlla sempre l’etichetta della carne confezionata, una “carta di identità” che ne garantisce la tracciabilità, dall’allevamento al consumatore. Anche il macellaio ovviamente è tenuto a darvi informazioni dettagliate sul prodotto.

    Scegli il filetto (di manzo, di vitellone o di vitello), un taglio pregiato e nobile, tenerissimo, ricavato dalla parte bassa della schiena dell’animale, la lombata, che si trova subito sotto le cosce. La carne qui è magra, ha un colore rosa chiaro e consistenza divina: morbida, che si scioglie in bocca! Il taglio è di prima scelta, quindi non ci sono nervi, e inoltre facile da tagliare a mano, con un buon coltello affilato. Se preferisci su un taglio di carne meno costoso, va bene anche lo scamone o il girello, che comunque hanno caratteristiche eccellenti per dare gusto e consistenza alle tue tartare; oppure puoi anche fare un mix di girello e filetto per avere una consistenza paradisiaca!

    Come tagliare la carne per la tartare

    Tagliare la carne al coltello invece di tritarla nel mixer è una tecnica da imparare, per rispettarne le fibre e non disperderne i succhi.

    1. Affetta il pezzo di carne che hai scelto, poi taglia le fette a striscioline sottili in un senso e a pezzetti minutissimi nell’altro.
    2. Con due coltelli affilati batti la carne fino a ridurre la grana della grandezza e consistenza desiderata

    La carne macinata, che ha una superficie estesa esposta all’aria, è molto deperibile e andrebbe consumata entro 2 ore dalla preparazione, quindi non va bene per preparare la tartare classica ma è perfetta per fare delle appetitose polpette, polpettoni, il sugo alla bolognese o golosi ripieni!

    Preparazione della tartare classica

    1. Taglia il controfiletto a fettine sottili, poi a listarelle, quindi a dadini.
    2. Se vuoi una tartare più sminuzzata, agita contemporaneamente sui dadini due coltelli affilati come per fare un battuto dalla grana piuttosto minuta.
    3. Suddividi la tartare di carne nei piatti individuali e servi la con cipolla tritata, senape, tuorli d'uovo, prezzemolo, capperi, salsa Worcester, olio extravergine d'oliva, sale e pepe.

    Varianti

    La ricetta della tartare classica negli anni è stata declinata in numerose versioni: dalla tartare di pesce, come per esempio la tartare di salmone, di pesce spada di branzino o di tonno, alle tartare di frutta, da gustare come dessert. Esistono persino ottime tartare vegetariane o tartare che stanno in un panino!

    Riproduzione riservata