Patate bollite

Credits: Shutterstock
5/5
  • Persone 2

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Patate bollite


    invia tramite email stampa la lista

    Preparazione

    1) Lavate bene 400 g di patate e strofinatele con una spugnetta, per eliminare tutta la terra dalla buccia.

    2) Disponetele in una pentola con acqua fredda e cuocetele per 40-45 minuti dall'ebollizione, a seconda delle dimensioni. Potete anche cuocerle nella pentola a pressione per 20-25 minuti dal momento del sibilo.

    3) Lasciate intiepidire le patate. Intanto, versate in un barattolo con il tappo a vite 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva, 1 cucchiaino di aceto, sale e pepe. Chiudete e agitate bene per ottenere una salsina ben emulsionata.

    4) Tagliate le patate a metà e mettetele in una ciotola. Irrorate con la vinaigrette, spolverizzatele con prezzemolo o aneto tritato e servite.


    Le patate bollite sono un classico contorno della cucina italiana. Semplici da preparare sono anche molto versatili in quanto si possono preparare in molti modi. Accompagnano piatti di carne come l’arrosto, ma anche il pesce, sia bollito che grigliato e si possono mangiare tutto l’anno o anche fredde da portare in spiaggia per placare la fame e non appesantire. Le patate bollite sono inoltre la base di partenza per svariate ricette. Si possono lasciare bollire un po’ di più e fare un ottimo purè, o delle gustose crocchette. Oppure spadellate prendono quella crosticina croccante e saporita che invoglia ancora di più a mangiarle. Le patate ideali per questo tipo di preparazione sono le patate a pasta gialla mentre la tipologia novelle sono sconsigliate in quanto adatte invece alla cottura al forno.

    di IN TAVOLA Riproduzione riservata