Treccia pasquale a ciambella

Treccia pasquale

Vuoi “mettere le mani in pasta” per preparare una ricetta veramente speciale da mettere a tavola il giorno di Pasqua o da portare in gita per il tradizionale picnic di Pasquetta?
  • Procedura
    1 ora 20 minuti
  • Persone
    8
  • Difficoltà
    media

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Treccia pasquale

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Treccia pasquale

    La trovi anche su:

    La treccia pasquale in versione salata è quello che stai cercando! Sfiziosa come antipasto o per uno spuntino a merenda, così coreografica da poterla mettere come centro tavolo per abbellire la tavola di Pasqua! La ricetta di DMnow tanto facile che è difficile da sbagliare! In più qui di seguito trovi immagini e spiegazioni a ogni passaggio della ricetta, che ti seguiranno durante la preparazione. È un rustico, nell'aspetto simile ad un classico casatiello o a un pan brioche salato che puoi farcire con tutto quello che più ti piace. Per esempio con salumi, formaggi o con gli avanzi del caratteristico tortano napoletano, se ne avete preparato uno!

    Gli ingredienti della treccia pasquale

    Perfetta come apntipasto per aprire il menù del pranzo di Pasqua, questa sfiziosissima treccia pasquale di DMnow è tanto bella quanto buona: per avere un effetto super soffice è necessario lasciare lievitare l'impasto dalle 2 alle 3 ore; a lievitazione ultimata, si divide l'impasto in 3 strisce che farcite e intrecciate compongono la tipica treccia Al suo interno nasconde infatti una farcia golosa fatta con salsiccia piccante, scamorza e olive nere. È perfetta anche da portare a picnic  evitando la decorazione delle tradizionali uova sode o di portare il pane!

    1) Fai la pasta. Disponi 600 g di semola rimacinata di grano duro a fontana sulla spianatoia. Sciogli 12 gr di lievito di birra e 1 cucchiaino di zucchero in 40 cl dl di acqua tiepida e versa il mix al centro della farina. Inizia ad amalgamare; quindi unisci 1 cucchiaino di sale e 3 cucchiai di olio evo. Continua a lavorare con le mani, in modo energico, per ottenere una pasta elastica, liscia e omogenea. Forma una palla, trasferiscila in una ciotola unta d'olio. Coprila con un telo umido e lasciala lievitare per 2 ore.

    2) Farciscila. Taglia a pezzetti 100 gr di olive nere snocciolate e 120 gr di scamorza (o provola), tenendoli separati e spella 100 g r di salsiccia piccante (oppure sopressata calabra).

    Preleva dall'impasto lievitato circa 100 gr di pasta e tienila da parte per il decoro. Dividi la pasta rimasta in 3 panetti di uguale peso. Stendi sulla spianatoia infarinata 1 panetto di pasta con il matterello, in modo da ottenere una striscia di 8-9 cm di larghezza e di 35-40 cm di lunghezza. Metti al centro della striscia le olive, richiudi la pasta a metà  sul ripieno e sigilla, pizzicando con le dita. Arrotonda i bordi con le mani, in modo da formare un lungo cilindro. Crea altri 2 cilindri con lo stesso procedimento, farcendone 1 con il salume e 1 con il formaggio.

    3) Completa. Intreccia i 3 cilindri farciti sulla placca foderata con carta da forno bagnata e strizzata. Unisci le estremità  dei cilindri e sigillali, dando al tutto una forma a ciambella. Inserisci fra 1 cilindro e l'altro, 4 uova ben lavate, fissandole con striscioline di pasta a croce, ottenute con la pasta tenuta da parte. Fai lievitare ancora per 30 minuti.

    4) Inforna. Spennella il ciambellone salato con l'uovo rimasto sbattuto e cuoci in forno statico già caldo a 180° C per 40-50 minuti circa.

    5) Sforna la treccia pasquale e lasciala raffreddare nella teglia. Poi trasferiscila in un piatto di portata e servila, tiepida o fredda.

    Variante dolce della treccia pasquale

    La treccia pasquale puoi realizzarla anche in versione dolce: puoi arricchire l'impasto con uvetta o ricoprirla di zuccherini colorati o con glassa. Oppure puoi farcire la tua treccia dolce con pezzetti di frutta ma, questo caso, l'impasto lievitato devi stenderlo in unica sfoglia: se l'idea ti piace, prova la la treccia all' ananas, potrebbe essere una ricetta golosa per un dolce pasquale alternativo!

    Riproduzione riservata