Casatiello napoletano

Casatiello napoletano

  • Procedura
    1 ora 30 minuti
  • Cottura
    1 ora
  • Persone
    8
  • Difficoltà
    media

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Casatiello napoletano

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Un tempo era consuetudine aprire il menu del pranzo di Pasqua napoletano con una fetta di casatiello accompagnato da salumi e formaggi. Oggi questa rustica ciambella molto simile al più soffice tortano è considerata più adatta a un sostanzioso spuntino o a un pranzo all'aperto come il picnic di Pasquetta; resta comunque valida anche la formula "antipasto": in questo caso, per una presentazione più elegante, potrete dividere la pasta in piccole porzioni e cuocerla in stampini individuali a bordi alti.

    È molto importante, per una buona lievitazione, non tenere l'impasto troppo vicino a una fonte di calore diretto. Un altro consiglio: togliete le uova dal frigorifero un paio d'ore prima, se sono fredde, al primo contatto con il calore del forno potrebbero creparsi.

    Preparazione

    1) Mescolare gli ingredienti. Raccogliete 40 g di lievito di birra in una ciotola, versatevi sopra 1/2 bicchiere di acqua tiepida e mescolate finché si sarà sciolto. Setacciate 600 g di farina con 1 cucchiaino di sale, raccoglietela sulla spianatoia, fate la fontana, versate al centro il lievito sciolto e aggiungete 50 g di strutto.

    2) Preparare la pasta. Impastate il tutto unendo man mano altra acqua, quanto basta per ottenere una pasta piuttosto morbida. Lavoratela con forza per una decina di minuti, copritela con un telo e lasciatela lievitare in luogo tiepido per almeno 90 minuti d'orologio.

    3) Stendere e condire. Riprendete la pasta lievitata, sgonfiatela battendola con le mani, poi stendetela con il matterello fino a ottenere un rettangolo dello spessore di circa un cm; spalmatelo di strutto e cospargetelo con una presa di pepe e 2 cucchiai di pecorino grattugiato.

    4) Piegare e ripiegare. Piegate a metà la pasta per il lungo, ungetela con altro strutto, cospargetela con un altro paio di cucchiai di pecorino e un'altra presa di pepe, piegatela ancora e stendetela. Ungetela, piegatela e stendetela una terza volta in un rettangolo un po' più lungo del diametro dello stampo.

    5) Formare l'anello. Staccate un pezzetto di pasta grosso come un panino, ungetelo di strutto e tenetelo da parte. Avvolgete il rettangolo su se stesso in modo da ottenere un bastone e sistematelo nello stampo unto di strutto; coprite e lasciate lievitare per 3 ore.

    6) Guarnire con le uova. Lavate e asciugate 6 uova; quando la pasta è lievitata, sistematevele sopra con le punte verso il centro e bloccatele con 2 bastoncini incrociati preparati con la pasta tenuta da parte. Le uova vanno sistemate sul casatiello dopo la lievitazione, alla distanza di 4-5 cm uno dall'altro, e bloccate tradizionalmente con due bastoncini di pasta incrociati. Per far aderire bene i bastoncini, spennellate con un po' di albume sbattuto il punto in cui si uniscono alla ciambella e premete leggermente.  

    7) Cuocete il casatiello napoletano in forno a 160° C per circa 60 minuti.

    Sapete che esiste anche una versione da dessert di questa ricetta? Il casatiello dolce non è per nulla difficile da preparare, serve solo avere la pazienza necessaria per rispettare i lunghi tempi di lievitazione. Una ricetta più semplice, senza uova decorative ma con glassa di zucchero e confettini è il ciambellone di Pasqua. Entrambi i dolci sono da provare!

    Riproduzione riservata