Pasta sfoglia fatta in casa

5/5
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Pasta sfoglia fatta in casa


    invia tramite email stampa la lista

    È una delle preparazioni di base più lunghe, benché non presenti particolari difficoltà. Le operazioni di impasto, infatti, vanno ripetute diverse volte e devono essere intervallate da periodi di riposo. Questo sistema di lavorazione è alle radici della straordinaria leggerezza che la pasta sfoglia acquista dopo la cottura: serve a far sì che tra uno strato e l'altro ci sia un velo di burro che impedisca loro di attaccarsi mentre cuociono (è nel forno infatti che l'acqua contenuta nel burro si trasforma in vapore e solleva le "sfoglie").

    Le dosi degli ingredienti dipendono dalla ricetta per la quale si intende utilizzare la pasta sfoglia fatta in casa; tuttavia il calcolo delle quantità è semplicissimo perché burro e farina devono avere sempre lo stesso peso, il sale è solo un pizzico e l'acqua va miscelata a necessità. Lo zucchero invece non si mette mai: saranno ripieni e farciture aggiuntivi, come creme o altro, a dare al dessert la giusta "dolcezza". Scoprite come preparare a casa la classica pasta sfoglia con la ricetta step by step di Donna Moderna. Seguite tutti i passaggi e sarà un gioco da ragazzi!

    • 1

      Nella nostra sequenza step by step abbiamo usato 300 g di farina, 300 g di burro e una presa di sale. Mettete 225 g di farina, prima setacciata, sulla spianatoia e spolverizzatela di sale (per la dose indicata usatene 6-7 g). Fate un incavo nel mezzo e versatevi 1 decilitro abbondante di acqua fredda. Cominciate a lavorare buttando la farina verso l'acqua e impastate. Procedete velocemente, perché una lavorazione prolungata farebbe diventare la pasta troppo elastica e avvolgerebbe male il burro. Lavorate l'impasto per non più di 5-6 minuti fino a ottenere un panetto liscio che avvolgerete in un tovagliolo e metterete in frigorifero per 20 minuti.

    • 2

      Nel frattempo, lavorate sulla spianatoia i 75 g di farina rimasta, prima setacciata, insieme con 300 g di burro a pezzetti, che dovrà essere morbido ma non troppo. Formate un secondo panetto rettangolare, avvolgetelo in carta oleata, e mettetelo in frigorifero a riposare per 20 minuti.

    • 3

      Scaduto il tempo di riposo della prima pasta preparata, riprendetela dal frigorifero e stendetela in una sfoglia grande abbastanza per contenere il panetto con il burro. Adagiate il rettangolo nel mezzo della pasta e ripiegatevi sopra i 4 lembi, così da formare un involucro.

    • 4

      Con il matterello stendete quindi pasta e burro, badando però a spingere il matterello solo in avanti; lavorando così formate un lungo rettangolo. Sempre con il matterello premete leggermente la pasta al centro del rettangolo e ripiegate i 2 lati corti della sfoglia unendoli al centro, dove la pasta era stata pressata.

    • 5

      Piegate la pasta a metà (sempre nello stesso verso) in modo che risulti piegata 4 volte. Ruotate poi di 90° il panetto ottenuto, girandolo verso il lato destro o sinistro.

    • 6

      Stendete la pasta in un rettangolo, sempre spingendo il matterello in avanti, e ripetete le operazioni di piegatura sopra indicate. Avvolgete infine il panetto in carta oleata e mettetelo in frigo per mezz'ora.

    • 7

      Ripetete quindi l'operazione di stesura e ripiegamento, come spiegato sopra, ancora per 2 volte, mettendo la pasta in frigo per mezz'ora ogni volta. In tutto, dovrete eseguire l'operazione 3 volte (cioè 3 volte stendere e 3 volte ripiegare), lasciandola per 2 volte in frigorifero.

    di GUIDA CUCINA Riproduzione riservata