• Procedura
    2 ore
  • Cottura
    1 ora
  • Persone
    4
  • Difficoltà
    media

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Torta pasqualina alla maggiorana

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    Per la pasta:
    150 g di farina,
    1 cucchiaio d'olio extravergine d'oliva,
    sale.
    Per il ripieno:
    mezzo chilogrammo di bietole (erbette),
    150 g di borragine,
    5 uova piccole,
    300 g di ricotta (o di quagliata,),
    1 manciata abbondante di parmigiano grattugiato,
    1 cipolla piccola,
    1 dl di panna,
    1 spicchio d'aglio,
    1 cucchiaio di prezzemolo tritato,
    qualche rametto di maggiorana,
    sale,
    4 cucchiai d'olio d'oliva.

    Mescola la farina
    in una ciotola con l'olio, una buona presa di sale e acqua tiepida quanto basta per ottenere una pasta elastica.
    Lavorala per qualche minuto, quindi dividila in sei palline, deponile su un piatto infarinato e coprile con un telo
    umido, lasciandole riposare per un'ora.
    Pulisci le bietole e le borragini, lavale bene e lessale in poca acqua. Quando
    sono cotte, scolale e strizzale molto bene. Tagliuzzale su un tagliere con un grosso coltello, quindi allargale su un
    piatto, cospargile con il prezzemolo, la maggiorana e un po' di parmigiano e lasciale intiepidire. Sbatti un uovo in
    una ciotola con la panna e la ricotta, un cucchiaino di sale e quasi tutto il parmigiano rimasto. Unisci l'aglio
    sminuzzato e le bietole. Stendi tre palline di pasta con il mattarello in tre sfoglie molto sottili e spennellale con
    olio d'oliva.
    Adagia le tre sfoglie una sopra l'altra sul fondo di un piccolo stampo apribile per dolci. Riempi con il
    preparato di erbette e fai quattro incavi. Rompi un uovo in ogni incavo, cospargi con poco sale e il formaggio rimasto.
    Stendi le ultime tre sfoglie e ungile con altro olio. Disponile sopra il ripieno e sigilla bene gli strati di pasta
    premendo ai lati. Versa l'olio rimasto sopra la superficie di pasta. Cuoci nel forno già caldo a 180° per quasi un'ora.
    Se la superficie dovesse scurire troppo, coprila con un disco di carta stagnola.
    Riproduzione riservata