pappardelle-con-ragu-di-agnello

Pappardelle con ragù di agnello

  • Procedura
    45 minuti
  • Cottura
    35 minuti
  • Persone
    6
  • Difficoltà
    facile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Pappardelle con ragù di agnello

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Pappardelle con ragù di agnello

    La trovi anche su:

    Il primo piatto perfetto per il menu di Pasqua? Se in famiglia amate tutti il sapore della carne ovina apprezzerete sicuramente le pappardelle con ragù di agnello. Pasta all'uovo condita con un triplice sugo di carne e asparagi, crema di pecorino e pesto di pistacchi. Una vera sinfonia di sapori capace di conquistare anche i palati più esigenti.

    Preparazione

    1) Tagliate finemente 300 g di spalla di agnello e fatela rosolare in un tegame con 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva e 2 cucchiai di verdure per soffritto (cipolla, carota, sedano tritati); bagnatela con 1/2 bicchiere di vino bianco e fatelo sfumare. Proseguite la cottura per 15 minuti, aggiungendo man mano un filo di brodo vegetale caldo.

    2) Lavate 300 g di asparagi e tagliateli a tocchetti lasciando intere le punte. Cuoceteli al vapore per 5 minuti, uniteli al ragù di agnello, salate, pepate, spolverizzate con le foglioline di 2 rametti di origano e 1 mazzettino di prezzemolo tritato e proseguite la cottura per 5 minuti aggiungendo, se necessario, un filo di brodo.

    3) Sbollentate 60 g di pistacchi freschi, spellateli, asciugateli e passateli grossolanamente al mixer con 1 spicchio di aglio sbucciato, un pizzico di sale e una manciata di foglie di basilico. Frullate 80 g di pecorino con le foglie di 1 rametto di menta, un pizzico di sale e 1 mestolino di brodo caldo incorporando poi a filo qualche cucchiaio di olio extravergine d'oliva fino a ottenere un composto omogeneo.

    4) Lessate 350 g di pappardelle o altra pasta lunga all'uovo, scolatele al dente e conditele con la crema al pecorino. Aggiungete il ragù di agnello e asparagi, il pesto di pistacchi e servite subito in tavola.

    Riproduzione riservata