Sbollenta le fave

Ingredienti

500 g di farina

300 g di fave verdi

1 cubetto di lievito di birra

2 cipolle bianche

Rosmarino

Sale fino

Sale grosso

Zucchero

Pepe

Olio extravergine di Oliva

La focaccia con le fave è una vera delizia. Per cominciare, pulisci le fave, sgranale e falle bollire in acqua salata per 5/10 minuti. Non appena saranno cotte, scolale, riponile in una coppa e quando si saranno raffreddate un po’ elimina la pellicina che le ricopre.

Adesso disponi la farina su una spianatoia, con le mani ricava al centro una piccola fontana e versa 6 cucchiai d’olio.

Con dell’acqua tiepida sciogli il cubetto di lievito e inizia ad impastare tutti gli ingredienti, fino a formare un composto omogeneo e liscio. A questo punto, aggiungi un cucchiaio di sale e un pizzico di zucchero. Successivamente aggrega le fave e con il movimento delle mani cerca di far amalgamarle bene con il resto. Puoi anche aggiungere della pancetta tagliata a dadini se ti piace.

Ricopri l’impasto con un canovaccio e fai lievitare per un’ora e mezza.

Quando la pasta sarà lievitata, disponi abbondante olio d’oliva in una grande teglia (o in due teglie più piccole) e stendi il composto con le mani, allungando l’impasto senza creare dei buchi e lavorandolo con le nocche. Se preferisci puoi fare quest’operazione sulla spianatoia cosparsa di farina, aiutandoti con il mattarello.

Per la fase finale della preparazione della focaccia con le fave, taglia le cipolle a fettine sottili e disponile su tutta la superficie della focaccia. Condisci con del rosmarino, un pizzico di sale grosso e il pepe nero.

Riscalda il forno a 180 gradi e riponi la teglia al suo interno per 30/40 minuti.  Passato il tempo stabilito, puoi sfornare la focaccia e dopo che si sarà leggermente raffreddata, tagliala a rettangoli.

La focaccia con le fave sarà il successo del tuo picnic con gli amici!

Focaccia con le fave

Questa gustosa ricetta della focaccia con le fave e la cipolla è ottima per una gita fuori porta

Se si vuole preparare una focaccia veramente originale, si prendano in considerazione le fave, sarà una vera scoperta. Gli unici che purtroppo non potranno gustarla sono i soggetti affetti da favismo, l’allergia a questo legume. Le fave sono delle leguminose, proprio come i piselli, i fagioli, le lenticchie e i ceci. Tra tutti i legumi le fave sono le meno caloriche. In passato hanno avuto un ruolo da protagonista nei piatti poveri, dato il loro costo molto modesto. La pianta è originaria dell’Asia Minore, ma, proprio per la sua economicità, ha subito trovato posto sulle tavole italiane, soprattutto quelle sarde, siciliane e pugliesi. Le fave possono essere proposte in vari modi: come contorno, antipasto, primo piatto o in versione purè.

Riproduzione riservata