Idee in cucina

Tiliccas de mendula e meli ovvero girelle ripiene di mandorle e miele

4/5
  • Procedura 1 ora 50 minuti
  • Cottura 50 minuti
  • Persone 8
  • Difficoltà media

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Tiliccas de mendula e meli ovvero girelle ripiene di mandorle e miele


    invia tramite email stampa la lista
    Tiliccas de mendula e meli ovvero girelle ripiene di mandorle e miele
    La trovi anche su:

    Arrivano direttamente dalla Sardegna queste tiliccas de mendula e meli, ossia delle girelle ripiene di mandorle e miele. Dolcetti tipici delle Feste preparate in particolare per Natale e Capodanno e dal sapore deciso e talmente fragrante da sciogliersi in bocca (grazie anche alla presenza dello strutto).

    Preparazione

    1) Versate 500 g di farina bianca sulla spianatoia così da formare la classica fontana; disponete al centro 100 g di strutto ammorbidito a pezzetti e impastate con poca acqua tiepida salata in modo da ottenere un composto sodo e omogeneo.

    2) Sbollentate e spellate 800 g di mandorle sgusciate, poi fatele tostare qualche minuto in forno a 150 °C e tritatele finemente. Portate lentamente a ebollizione 400 g di miele con 2,5 dl di acqua e la scorza di 1 arancia non trattata grattugiata, quindi incorporatevi 100 g di semola fine, sempre mescolando, così da ottenere un composto consistente che farete cuocere piano per 10 minuti prima di aggiungere le mandorle. Versate il composto in una terrina e lasciatelo raffreddare.

    3) Con un matterello tirate la pasta e con una rotella ricavate dei rettangoli larghi 3-4 cm e lunghi 10- 12 cm. Distribuite su ogni porzione di pasta 1 cucchiaio di ripieno come fosse un bastoncino sottile; prendete i bordi della pasta, ripiegateli verso l'alto e saldateli, poi piegateli come a formare una ciambellina.

    4) Disponete le tiliccas de mendula e meli su una teglia imburrata e infarinata. Fate cuocere i dolcetti nel forno già caldo a 170° C per 20 minuti. Sfornate, spolverizzate con 80 g di codette di zucchero colorate, lasciate raffreddare e servite in tavola.

    di LA CUCINA REGIONALE ITALIANA Riproduzione riservata