pie-di-mele-arance-e-datteri immagine

Pie di mele, arance e datteri

  • Procedura
    2 ore
  • Cottura
    1 ora 20 minuti
  • Persone
    10
  • Difficoltà
    media

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Pie di mele, arance e datteri

    Invia tramite Email Stampa la lista

    1 Fai la frolla. Impasta la farina e il lievito setacciato con il burro freddo a pezzetti. Unisci 200 g di zucchero semolato, l'uovo, i tuorli e la scorza del limone grattugiata. Forma una palla, avvolgila in pellicola e falla riposare in frigo per 1 ora. Ricava la scorza di 3 arance con un pelapatate e tagliala a listarelle. Elimina la buccia rimasta, arrivando alla polpa viva. Introduci la lama del coltello fra una membrana e l'altra ed estrai gli spicchi. Cuoci a fuoco basso in un pentolino la polpa e le scorze con 80 g di zucchero semolato per 8-10 minuti.

    2 Prepara il ripieno. Mescola in una ciotola la marmellata di arance e scorza preparata, le mele sbucciate e affettate e il succo di limone, i savoiardi sbriciolati, i datteri a pezzetti, le mandorle, lo zucchero semolato rimasto e la cannella. Stendi 2/3 della frolla e fodera il fondo e le pareti della tortiera. Rifila il bordo e bucherella la pasta. Versa all'interno il ripieno preparato e livellalo. Stendi la frolla rimasta, copri il ripieno con il disco di pasta, sigilla e decora, a piacere, i bordi con foglie di pasta frolla, ottenute dai ritagli di pasta sagomati e incisi con un coltellino.

    3 Cuoci la torta. Cuoci la torta in forno già caldo a 180 °C per 50-60 minuti. Lasciala riposare per 10 minuti e sformala. Spella al vivo l'arancia rimasta e tagliala a rondelle. Lavora sopra la padella antiaderente, in modo che il succo dell'arancia finisca nella padella. Unisci lo zucchero di canna al succo, disponi le rondelle di arancia in un solo strato nella padella e cuocile a fuoco basso per 12-15 minuti, girandole di tanto in tanto.

    4. Decora la torta. Guarnisci il centro della pie con le rondelle di arancia, la stecca di cannella e 10 chiodi di garofano e servi.

    Riproduzione riservata