La pasta per savarin

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

La pasta per savarin

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    1) Per preparare un savarin occorrono: 250 g di farina, 85 g di burro, 15 g di lievito di birra, 100 g di latte, 175 g di zucchero, un pizzico di sale, 3 uova, rum, 100 g di panna montata, ciliegine candite (o fragole fresche). Mettete il lievito in una ciotolina e diluitelo con 2 cucchiai di latte tiepido. Disponete la farina setacciata in una terrina e spolverizzatela con il sale, poi fate la fontana e versatevi al centro il lievito diluito e le uova.
    2) Cominciate a lavorare gli ingredienti con la punta delle dita e, quando la farina avrà assorbito le uova, unite 175 g di burro
    morbido a pezzetti. Continuate a lavorare l'impasto fino a che avrete incorporato tutto il burro; ottenuta una pasta morbida, copritela con un canovaccio lasciandola lievitare per un'ora in un luogo caldo e lontano da correnti d'aria. La pasta dovrà raddoppiare di volume.
    3) Trascorso il tempo di lievitazione, riprendete la pasta, spargetevi sopra lo zucchero e lavoratela di nuovo fino a che risulterà ben elastica.
    4) Imburrate uno stampo rotondo con il foro centrale (della capacità di un litro e tre quarti) e disponetevi il composto distribuendolo uniformemente in modo da livellarlo. Coprite e fate lievitare ancora per un'ora fino a che il composto avrà riempito lo stampo.
    5) Cuocete in forno già caldo a 200° per mezz'ora. Poi sfornate il savarin e toglietelo dallo stampo.
    6) Fate bollire in una casseruolina 150 g di zucchero con 150 g di acqua; quando avrete ottenuto uno sciroppo limpido, unitevi 5 cucchiai di rum.
    7) Inzuppate il savarin ancora caldo con lo sciroppo, poi spruzzatelo con altri 3 cucchiai di rum.
    8) Fate raffreddare e riempite il foro centrale con panna montata. Poi fate delle decorazioni di panna e ciliegine candite o fragole fresche. A piacere potete anche lucidare la superficie del savarin spennellandola con gelatina di albicocche, prima sciolta a fuoco basso.
    Riproduzione riservata