Dolcetti di cheesecake ai wafer

Foto
5/5
  • Procedura 40 minuti
  • Cottura 25 minuti
  • Persone 8
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Dolcetti di cheesecake ai wafer


    invia tramite email stampa la lista

    15 wafers alla vaniglia di 9x2 cm
    500 g di formaggio cremoso, tipo Philadelphia o ricotta
    1 uovo
    sale
    100 g di zucchero semolato
    1 bustina di vanillina
    succo di limone
    20 fragole medie
    3 cucchiai di confettura di fragole
    zucchero a velo per decorare


    1 Prepara la base. Fodera la teglia con un foglio di carta da forno. Disponi sul fondo uno strato di wafer ben allineati, cercando di non lasciare spazi vuoti. Versa in una ciotola il formaggio cremoso a temperatura ambiente, e inizia a montarlo con la frusta, incorporando, gradualmente, lo zucchero, la vanillina, 1 pizzico di sale e 1 cucchiaino di succo di limone, finché sarà gonfio e spumoso. Sguscia l'uovo in una ciotola, sbattilo con una forchetta,poi incorporalo al composto e mescola bene.
    2 Cuoci la torta. Distribuisci il composto sulla base di biscotti in modo uniforme e livellandolo bene con una spatolina. Cuoci il tortino in forno già caldo a 160°C per circa 25 minuti, poi sfornalo e lascialo raffreddare a temperatura ambiente. Coprilo con pellicola e trasferiscilo in frigorifero a riposareper almeno 6 ore. Estrai la cheesecake dallo stampo, aiutandoti con i lembi della carta da forno, disponila su un piano di lavoro e tagliala, ricavando tanti pasticcini di circa 5 cm di lato.
    3 Completa e servi. Incidi le fragole con tanti taglietti paralleli, senza però passarle da parte a parte, poi aprile leggermente, formando tanti ventaglietti e disponine 1 su ciascun pasticcino. Scalda in un padellino la confettura di fragole con pochissima acqua, poi spennellala sulle fragole e decorale, a piacere, spolverizzando la superficie dei dolcetti con zucchero a velo. In
    alternativa, puoi usare meringa sbriciolata o pistacchi tritati. Conserva i dolcetti in frigorifero fino al momento di servirli.

    di CUCINA NO PROBLEM Riproduzione riservata