zuccotto-pasquale-gelato immagine

Zuccotto pasquale gelato

  • Procedura
    45 minuti
  • Cottura
    5 minuti
  • Persone
    10
  • Difficoltà
    facile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Zuccotto pasquale gelato

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Zuccotto pasquale gelato

    La trovi anche su:

    Dolce di tradizione siciliana a base di pan di Spagna bagnato con liquore all'arancia: lo zuccotto pasquale è una perfetta alternativa alla colomba e all'uovo di Pasqua. Facile da fare, anche se non velocissimo, si può preparare con ingredienti già pronti confezionati.

    La ricetta originale lo vuole farcito con crema alla ricotta e canditi, in questa versione te lo presentiamo invece con ripieno di delizioso gelato. Il tocco in più? I bignè alla panna montata.

    Foderate uno stampo da zuccotto con pellicola. Tagliate 1 disco di pan di Spagna di 24 cm di diametro a fette di 1 cm di spessore e spennellatele con poco liquore all'arancia. Foderate lo stampo con 2/3 delle fette di pan di Spagna tagliate in misura. Spalmate 400 g di gelato fiordilatte su pareti e fondo e disponete in freezer per almeno 30 minuti.

    Estraete lo zuccotto dal freezer e riempite la cavità con 200 g di gelato al cioccolato. Chiudete con le fette di pan di Spagna rimaste, avvolgete il tutto con pellicola e disponete in freezer per almeno 4 ore.

    Sformate delicatamente lo zuccotto su di un piatto da portata. Elimiate la pellicola e ricoprite la cupola con una crema ottenuta, facendo sciogliere a bagnomaria o nel forno microonde 300 g di cioccolato fondente con 1,5 dl di panna fresca. Rimettete il dolce in freezer.

    Montate i 2 dl di panna fresca rimasta ben fredda con 20 g di zucchero. Riempite 30 piccoli bignè pronti con la panna montata, aiutandovi con una tasca da pasticciere. Partendo dalla base ricoprite lo zuccotto pasquale gelato con i bignè.

    Tenete lo zuccotto pasquale gelato in frigorifero sino al momento del dessert. Spolverizzatelo con cacao amaro giusto prima di servirlo in tavola.

    Riproduzione riservata