• Procedura
    1 ora 50 minuti
  • Cottura
    1 ora 15 minuti
  • Persone
    6
  • Difficoltà
    media

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Pici con la nana

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    700 g di pici
    1 anatra muta di 1 kg
    1 kg di pomodori da sugo
    100 g di prosciutto crudo in un'unica fetta
    1 cipolla
    1 gambo di sedano
    1 carota
    1 rametto di rosmarino
    1 rametto di salvia
    4-5 foglie di basilico
    1 mazzetto di prezzemolo
    1 bicchiere di vino bianco secco
    0,5 dl di olio extravergine di oliva
    80 g di parmigiano grattugiato
    sale
    pepe

    1) Pulite bene l'anatra, fiammeggiatela per eliminare l'eventuale peluria, svuotatela delle interiora, tagliatela a pezzi,
    lavatela e asciugatela. Tenete da parte il fegato.
    2) Sbollentate i pomodori, spellateli, privateli dei semi, dell'acqua
    di vegetazione, poi tagliateli a dadini. Tritate la cipolla, la carota, il sedano, il prezzemolo, la salvia, il
    basilico e gli aghi di rosmarino e metteteli a soffriggere in un capace tegame di coccio con l'olio extravergine.
    Tritate grossolanamente il prosciutto, unitelo al soffritto e rosolate il tutto per 5 minuti.
    3) Sistemate i pezzi di
    anatra nella casseruola e fateli rosolare in maniera uniforme girandoli, unite il vino bianco e lasciatelo evaporare,
    quindi aggiungete i pomodori e il fegato tenuto da parte. Salate, pepate e lasciate cuocere a fuoco moderato per 40
    minuti. Non appena il fegato sarà cotto, toglietelo e mettetelo da parte in una terrina. Sco
    4) Scolate i pezzi di anatra e
    fateli raffreddare. Passate il sugo al passaverdure e rimettetelo nel tegame, spolpate l'anatra eliminando la pelle,
    tritate grossolanamente la polpa e rimettetela nell'intingolo. Tagliate a dadini minuscoli il fegato e unitelo alla
    salsa.
    5) Fate cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente in una terrina, conditela con il ragù
    caldissimo e portate in tavola accompagnandola con il parmigiano.
    Riproduzione riservata