Idee in cucina

Pandolce di Bolzano

4/5
  • Procedura 1 ora 15 minuti
  • Cottura 40 minuti
  • Persone 6
  • Difficoltà media
Pandolce di Bolzano
La trovi anche su:

Frutta secca, aroma di agrumi e cannella creano un mix ideale per dolci natalizi, come il pandolce di Bolzano detto anche Zelten, tipico del Trentino Alto Adige. Questo dolce preparato con la pasta da pane come vuole la tradizione, è cotto in forno e oltre ad essere piacevolmente saporit e ricoperto di miele, è anche molto nutriente e un toccasana per il periodo invernale.

Preparazione

1) Mettete in ammollo 100 g di uvetta in acqua calda. Tagliate i frutti in piccoli pezzi, snocciolando quelli che lo richiedono, e metteteli in una terrina insieme con l'uvetta ben asciugata. Unite 1 dl di grappa, la scorza grattugiata e il succo dell'arancia. Mescolate bene e lasciate riposare per alcune ore (volendo anche per una notte intera).

2) Preparate ora la pasta da pane: in una ciotola con acqua tiepida sciogliete lo zucchero e 5 g di lievito di birra, quindi aggiungete 90 g di farina di segale fino a ottenere una crema densa; coprite con altra farina e tenete da parte per 10 minuti, coperto, in luogo tiepido. Quindi unite il resto della farina, l'olio, 1 cucchiaino di sale e il panetto lievitato. Lavorate energicamente e formate una palla. Incidetela a croce, coprite il recipiente con un canovaccio e lasciate lievitare in luogo tiepido per 2 ore.

3) Riscaldate il forno a 180 °C. Unite ai frutti la pasta da pane, 1 grosso pizzico di cannella e mescolate a lungo per ben amalgamare tutti gli ingredienti. Dividete il composto in due parti uguali, formate due pani ovali e appiattiti e adagiateli sulla placca del forno, unta di burro e infarinata. Metteteli nel forno caldo e cuoceteli per circa 40 minuti, poi sfornateli e lasciateli raffreddare.

4) Intanto fate sciogliere 70 g di miele sul fuoco basso e spennellate la superficie degli Zelten per lucidarli prima di servirli.


I vini da abbinamento consigliati sono l'Alto Adige Moscato Giallo dolce (bianco) e l'Erbaluce di Caluso Passito (bianco).

di LA CUCINA REGIONALE ITALIANA Riproduzione riservata