gnocchi-di-patate-con-toma-piemontese preparazione

Gnocchi di patate con toma piemontese

  • Procedura
    1 ora 50 minuti
  • Cottura
    1 ora
  • Persone
    4
  • Difficoltà
    facile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Gnocchi di patate con toma piemontese

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Un primo vegetariano nutriente e corposo insaporito con formaggi tipici del territorio, gli gnocchi di patate con toma piemontese sono facili da preparare e gli ingredienti semplici, permettono di portare in tavola un piatto ricco ma fondamentalmente economico. Ecco la ricetta step by step.

    Cuocete le patate. Lessate 1 kg di patate a pasta bianca, meglio se vecchie con la buccia. Scolatele, sbucciatele ancora calde e passatele subito allo schiacciapatate, raccogliendole in una ciotola. Lasciatele intiepidire leggermente. Tritate 10 foglie di spinaci, 1/2 cipolla e 1/2 carota e stufatele per 8-10 minuti con una noce di burro e un paio di cucchiai di acqua, se necessario. Unitele quindi al purè di patate. 

    Fate l'impasto. Aggiungete a patate e verdure 30 g di grana padano grattugiato, l'uovo intero e il tuorlo, 150 g di mollica di pane casereccio raffermo ammorbidita nel latte e ben strizzata, 100 g di farina, sale, pepe e noce moscata. Impastate il tutto con una forchetta. 

    Preparate gli gnocchi. Portate a ebollizione circa 3 litri di acqua e salatela. Prelevate il composto di patate preparato a piccole porzioni e modellatelo con le mani inumidite, dandogli la forma di un piccolo uovo. Immergete, man mano, gli gnocchi nell'acqua bollente, togliendoli dopo circa 1 minuto da quando salgono in superficie. Sistemateli, uno accanto all'altro, in una pirofila imburrata. 

    Completate. Cospargete la superficie degli gnocchi con burro fuso e scagliette di toma piemontese, passate in forno già caldo a 200° C per circa 10 minuti, finché il formaggio sarà fuso.

    Sfornate e servite. Togliete la pirofila dal forno e portate in tavola gli gnocchi di patate con toma piemontese subito, ancora caldi filanti.

    Riproduzione riservata