Idee in cucina

Colomba casalinga

5/5
  • Procedura 1 ora 30 minuti
  • Cottura 1 ora
  • Persone 8
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Colomba casalinga


    invia tramite email stampa la lista

    Avete mai pensato di fare la colomba pasquale con le vostre mani? Il dolce simbolo di Pasqua è semplice da preparare a casa, per portarlo in tavola (con un effetto wow assicurato) vi basterà seguire la facile ricetta step by step di Donna Moderna e i nostri consigli.

    • 1) Tagliate il burro a cubetti, metteteli in una ciotola e lavorateli a crema con un paio di fruste elettriche. Sgusciate le uova, separate i tuorli dagli albumi, unite i primi al burro e raccogliete i secondi in un'altra ciotola. Montate i tuorli con il burro, sempre con le fruste elettriche, e incorporate lo zucchero poco alla volta. Continuate a lavorare il mix fino a ottenere un composto molto chiaro e spumoso.

    • 2) Tritate grossolanamente 50 g di mandorle e tagliate a cubetti la scorza d'arancia candita. Cospargeteli con 30 g di farina e scuoteteli in un colino per eliminare quella assorbita in eccesso. Aggiungete tutto al composto, profumate con le scorze di limone e d'arancia grattugiate e il liquore alle mandorle; mescolate con cura per incorporarli alla perfezione.

    • 3) Aggiungete all'impasto per la colomba la farina rimasta e il lievito, poco alla volta, setacciandoli se possibile con lo spargifarina direttamente sul composto e, man mano che l'incorporate, ammorbidite l'impasto con il latte, versandolo a filo. Lavorate l'impasto per qualche minuto, usando le fruste elettriche alla massima velocità: alla fine deve risultare perfettamente omogeneo, cremoso ma ben compatto.

    • 4) Unite un pizzico di sale agli albumi tenuti da parte e montateli a neve ben ferma con le fruste elettriche lavate e asciugate. Quindi incorporateli al composto, un cucchiaio alla volta, mescolando delicatamente con una spatola, sempre nello stesso senso per non smontarli. Per quest'ultima operazione, evitate di usare le fruste perché, mescolando più velocemente, inglobano meno aria.

    • 5) Trasferite il composto in uno stampo da colomba di carta usa e getta da 750 g, avendo cura di distribuirlo uniformemente nelle parti sagomate di testa coda e ali. Livellate la superficie con una spatola bagnata e battete più volte lo stampo sul piano di lavoro, con delicatezza, per assestare l'impasto ed eliminare eventuali vuoti d'aria.

    • 6) Cospargete la colomba casalinga con le mandorle rimaste e la granella di zucchero e cuocetela in forno a 170°C per un'ora circa.

    • 7) Prima di togliere la colomba di Pasqua dal forno, controllate la cottura infilando uno stecchino al centro dell'impasto: ne deve uscire completamente asciutto; viceversa, cuocete il dolce ancora per 5 minuti. Al termine, estraetela dal forno e lasciatela raffreddare completamente su una gratella.

    È la prima volta che provate a preparare una colomba di Pasqua a casa? Ecco alcuni trucchi da chef!

    Prima di tutto un segreto riguardo a mandorle e canditi. Sapete perché è importante infarinare i canditi e le mandorle prima di aggiungerli agli impasti lievitati soffici come quello della colomba? Il velo di farina che li ricopre rallenta il loro "spostamento" all'interno dell'impasto. Così rimangono ben distribuiti nel dolce e durante la cottura in forno non vanno a depositarsi sul fondo. È fondamentale ricordardi di scuoterli un paio di volte nel colino per eliminare la farina in eccesso.

    Poi un consiglio su un attrezzo prezioso... Setacciare la farina è fondamentale per eliminare i grumi e renderla impalpabile. Quando si deve incorporare poco alla volta agli impasti, è però preferibile usare lo spargifarina piuttosto che il tradizionale setaccio. Questo perché consente di controllare meglio la gradualità dell'aggiunta e non si rischia di farla uscire dalla ciotola. L'attrezzo, d'acciaio o di plastica, si trova facilmente al supermercato ed è perfetto anche per cospargere i dolci con zucchero a velo o cacao.

    di CUCINA MODERNA Riproduzione riservata