• Procedura
    2 ore
  • Cottura
    1 ora
  • Persone
    6
  • Difficoltà
    difficile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Zuppa di pesce alla romana

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    ingredienti
    300 g di scorfani
    500 g di triglie di pezzatura media
    200 g di palombo
    500 g di calamari
    300 g di "sparnocchie"(canocchie, cicale di mare)
    300 g di gamberi
    1 aragosta viva di circa 500 g (facoltativa)
    500 g di cozze
    500 g di vongole
    1 spicchio d'aglio
    1 cipolla
    1 carota
    1 costa di sedano
    2 foglie di salvia
    1 foglia di alloro
    6 cucchiai di olio extravergine d'oliva
    100 g di passata di pomodoro
    1 pizzico di peperoncino in polvere
    1 ciuffo di prezzemolo
    sale
    vini consigliati
    Colli Albani (bianco)
    Colli di Luni Vermentino (bianco)

    Eviscerate, sciacquate e asciugate tutti i tipi di pesce, tagliando i più grandi a pezzi grossolani e privando i calamari dell'osso centrale e dell'occhio; sciacquate i crostacei e pulite cozze e vongole, facendole aprire in due diverse padelle coperte.
    Preparate un trito d'aglio, cipolla, carota, sedano e salvia e soffriggetelo con l'alloro in 4 cucchiai d'olio in una casseruola; lasciate insaporire per 5 minuti a fuoco vivo, mescolando spesso, quindi eliminate l'alloro e unite i pezzi di
    calamari e la passata di pomodoro; allungate con 1 mestolo d'acqua calda e lasciate cuocere per 15 minuti a fuoco medio.
    Aggiungete tutto il pesce e i crostacei, aggiustate di sale e insaporite con il peperoncino; allungate con un paio di mestoli d'acqua bollente e lasciate cuocere per altri 15-20 minuti, quindi aggiungete (facoltativamente) l'aragosta precedentemente sbollentata ancora viva per 5 minuti in acqua bollente leggermente salata e tagliata a pezzi, e infine le cozze e le vongole, sgusciate o intere; lasciate cuocere e insaporire per 15 minuti.
    A cottura ultimata distribuite la zuppa nei piatti individuali, spolverando di prezzemolo tritato e irrorando con un filo d'olio a crudo. Servite caldissima.


    Riproduzione riservata