Terrina di carni e fegatini al mirto

Foto
4/5
  • Procedura 2 ore
  • Cottura 1 ora 30 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Terrina di carni e fegatini al mirto


    invia tramite email stampa la lista

    200 g di carne macinata di vitello
    200 g di carne macinata di maiale
    100 g di fegatini di pollo già puliti
    latte
    1 scalogno
    40 g di mollica
    2 uova
    aceto di vino bianco
    1 bicchierino di Cognac
    2 rametti di mirto
    1 cucchiaino di pepe verde in salamoia
    sale e pepe

    Come fare una terrina di carni e fegatini al mirto:

    1) Preparate i fegatini. Sciacquate i fegatini in una ciotola con acqua fredda e aceto bianco. Asciugateli con carta da cucina e
    tagliateli a dadini di 1 cm di lato. Mettete il pepe verde in un colino e sciacquatelo per 1 minuto sotto acqua tiepida. Spellate lo scalogno e tritatelo finemente. Immergete la mollica in poco latte per 5 minuti, sgocciolatela e strizzatela.

    2) Mescolate gli ingredienti. Trasferite fegatini, scalogno, pepe verde e mollica in una ciotola. Unite i due tipi di carni macinate, il Cognac, sale e pepe. Sgusciate le uova in una ciotolina, sbattele con la forchetta e unitele agli ingredienti. Mescolate bene, ma con delicatezza, in modo da ottenere un composto ben omogeneo.

    3) Trasferite nello stampo. Foderate fondo e bordi di uno stampo da plum cake di circa 8) X20 cm di lato con carta da forno bagnata e strizzata. Disponete il composto preparato nello stampo e pareggiatelo con il dorso di un cucchiaio, senza premere troppo.

    4) Cuocete a bagnomaria. Mettete i rametti di mirto sulla sua superficie e chiudete con alluminio. Trasferite lo stampo in una teglia da forno a bordi alti e disponete in forno già caldo a 180°. Versate nella teglia acqua calda, aiutandovi con una brocca, fino a raggiungere i 2/3 dell'altezza dello stampo. Cuocete a bagnomaria per 1 ora e 30 minuti. Fate intiepidire la terrina, sformatela, rovesciandola in un piatto da portata e servitela a fette.

    di IN TAVOLA Riproduzione riservata