Idee in cucina

Sarde a beccafico

5/5
  • Procedura 40 minuti
  • Cottura 20 minuti
  • Persone 6
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Sarde a beccafico


    invia tramite email stampa la lista

    Facili da cucinare quanto gustose: le sarde a beccafico sono un secondo di mare al forno, tipico della cucina siciliana, da sempre molto legata alle sardine. Basta pensare alla "pasta con le sarde", specialità palermitana uscita dai ristretti ambiti regionali e portata dagli emigranti nel mondo che con questo piatto "ritornano" nostalgicamente alla loro isola.

    Il curioso nome del piatto deriva dall'omonimo uccellino, il beccafico, molto comune in Sicilia e ghiotto di frutta, specialmente di uva (l'uvetta è un ingrediente base della ricetta) e di fichi. In alcune zone l'uvetta viene messa a bagno nell'aceto forte per dare al piatto una nota più intensa. Nel Catanese, invece, il ripieno si fa senza uvetta, ma con le uova, e le sarde stesse vengono marinate nell'aceto prima di essere farcite e cotte in forno. Solo in alcune zone poi le sarde si arrotolano a involtino. Ecco la ricetta di Donna Moderna.

    Preparazione

    1) Mettete a bagno 30 g di uvetta; tritate finemente 30 g di pinoli e una manciata di foglie di prezzemolo. Lavate ed eviscerate 800 g di sardine fresche, eliminate teste e code e apritele a libro, quindi scartate la lisca centrale e asciugatele. Sciacquate con cura 300 g di acciughe per eliminare tutto il sale di conservazione, eliminate la lisca e tritatele finemente.

    2) Prelevate 1 cucchiaio di pangrattato dagli 80 g che vi servono per la ricetta e tenetelo da parte; scaldate 3 cucchiai di olio extravergine di oliva  e fatevi tostare tutto il resto del pangrattato, amalgamatevi le acciughe, il trito di prezzemolo e pinoli, l'uvetta scolata, sale e pepe.

    3) Sistemate il composto sulle sardine, richiudetele e collocatele in una pirofila con la parte tagliata all'insù e intervallate con pezzetti di foglia di alloro. Bagnate con i 3 cucchiai di olio d'oliva extravergine rimasti e il succo di 2 limoni, quindi spolverizzate con il cucchiaio di pangrattato tenuto da parte.

    4) Se volete proporre le sarde a beccafico con la caratteristica forma arrotolata distribuite il composto di pangrattato preparato sulle sarde, dalla parte della polpa, a una a una. Arrotolale, fissale con stecchini e cuocetele in forno a 180° C per 20-30 minuti.

    di CUCINA MODERNA Riproduzione riservata