ratatuia-con-lasagne-di-pane-carasau

Ratatuia con “lasagne” di pane carasau

  • Procedura
    55 minuti
  • Cottura
    25 minuti
  • Persone
    4
  • Difficoltà
    facilissima

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Ratatuia con “lasagne” di pane carasau

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Ratatuia con “lasagne” di pane carasau

    La trovi anche su:

    Preparazione

    1) Passate al mixer 30 g di basilico con 30 g di pecorino, 20 g di pinoli, 1 spicchio di aglio, 1 presa di sale, e 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva.

    2) Tagliate a tocchetti 2 piccoli peperoni, 1 carota, 1 zucchina, 1 pomodoro, 1 melanzana, 1 patata, 1 cipolla150 g di fagiolini. Fate rosolare tutte le verdure in una casseruola con 3 cucchiai di olio extravergine d'oliva; insaporite con sale e peperoncino, coprite e cuocete a fiamma bassa per 20-25 minuti.

    3) Dividete 160 g circa di pane carasau in 12 pezzi e spruzzateli con acqua tiepida; sistemate 4 pezzi su altrettanti piatti, distribuitevi sopra un quarto del pesto di basilico e della ratatuia di verdure e continuate a strati di pane, pesto e verdure fino a esaurire tutti gli ingredienti.


    Pane carasau, pesto di basilico, saporita ratatuia: queste "lasagne" estive facilissime piaceranno davvero a tutti: adulti e bambini, vegetariani e non! In più si preparano "a freddo" senza accendere il forno.

    Il pane carasau costituito da fogli sottilissimi è un tipico pane sardo, detto anche carta da musica. Spezzettato, ammorbidito e preparato come in questa ricetta prende anche il nome di pane frattau (ovvero rotto). Il basilico invece è conosciuto in Sardegna da tempi antichissimi. La sua diffusione, all'inizio, era dovuta all'uso liturgico. Furono i Greci i primi a impiegarlo per profumare le basiliche. Con il tempo l'usanza si è diffusa anche tra la gente comune, che utilizzava il basilico per profumare le proprie case. In seguito, i sardi lo introdussero nelle loro preparazioni gastronomiche, anche se mai in grande quantità, come avviene, invece, nella cucina ligure.

    Riproduzione riservata