gratin-di-porri-con-pane-carasau preparazione

Gratin di porri con pane carasau

  • Procedura
    55 minuti
  • Cottura
    35 minuti
  • Persone
    4
  • Difficoltà
    facile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Gratin di porri con pane carasau

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Noto anche come carta musica, il pane carasau è il pane più famoso della Sardegna. Costituito da dischi, sottilissimi e croccanti preparati con semola, farina, acqua e lievito e cotti in forno. I dischi freddi vengono ripassati in forno, per renderli croccanti ("carasare" significa biscottare). Conditi con olio extravergine d'oliva e sale prendono il nome di pane guttiau. Diventano invece pane frattau quando le sfoglie, prima ammorbidite in acqua calda, si mescolano a pecorino, pomodoro fresco e uova in camicia. Qui le abbiamo adoperate come vero e proprio ingrediente di una ricetta più complessa: il gratin di porri con pane carasau. Scorrete le immagini step by step per imparare a cucinarla con le vostre mani. Questo piatto è ottimo sia come primo che come secondo vegetariano.

    Tagliate i porri. Pulite 3 porri, eliminando la parte verde delle foglie e le radichette. Lavateli, asciugateli e tagliateli a fettine di mezzo cm di spessore. Sciogliete 20 g di burro in una padella, unite i porri1 cucchiaino di pepe verde in salamoia ben sgocciolato e tritato finemente, regolate di sale e cuocete, coperto, per 5-6 minuti, finché risulteranno appassiti.

    Versate una parte di porri sul fondo di una pirofila di 18x24 cm. Grattugiate 100 g di formaggio Gruyère e spolverizzatene una manciatina sui porri.

    Spezzettate 4 fogli di pane carasau, bagnate i pezzi in acqua fredda, scolateli e stendeteli sopra i porri. Ripetete gli strati, alternando tutti gli ingredienti, fino a esaurirli.

    Sbattete 200 ml di panna fresca con un pizzico di sale, versatela nella pirofila, poi passatela in forno già caldo a 200° C per circa 30 minuti.

    Servite il gratin di porri con pane carasau ben caldo portando in tavola la pirofila in cui è stato infornato.

    Riproduzione riservata