clafoutis-di-carciofi-allo-scalogno immagine

Clafoutis di carciofi allo scalogno

  • Procedura
    1 ora 10 minuti
  • Cottura
    50 minuti
  • Persone
    4
  • Difficoltà
    media

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Clafoutis di carciofi allo scalogno

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Clafoutis di carciofi allo scalogno

    La trovi anche su:

    Il clafoutis di carciofi allo scalogno è una sorta di torta salata, un buon secondo o piatto unico molto facile da fare, sfizioso e particolare. Puoi proporlo anche come antipasto, tagliato a cubetti e cosparso di prezzemolo tritato. Se avanza, è perfetto anche come condimento di un bel panino veloce.

    Prepara i carciofi. Taglia ed elimina il gambo di 8 carciofi. Togli le foglie esterne più dure. Privali delle punte e arrotondane il fondo con un coltellino. Dividili a metà, nel senso della lunghezza ed elimina l'eventuale fieno interno. Per evitare che anneriscano, tuffali man mano in una ciotola con acqua fredda acidulata con il succo di 1 limone. Metti a bagno 4 pomodori secchi in acqua calda per 15 minuti.

    Cuocili. Spella 4 scalogni, tagliali a fettine e rosolali a fuoco basso con 15 g di burro. Unisci i carciofi e 1/2 bicchiere d'acqua. Regola di sale, copri con il coperchio e cuoci a fuoco basso per circa 20 minuti. Trasferisci i carciofi nella pirofila, disposti in un unico strato, con la parte arrotondata sul fondo. Versa sui carciofi il loro fondo di cottura e spolverizzali con 20 olive nere snocciolate e i pomodori secchi sgocciolati e tagliati a pezzettini.

    Inforna e servi. Sbatti in una ciotola 4 uova, 40 g di farina, 40 g di grana padano grattugiato, 2 dl di latte fresco scremato, un pizzico di sale e una macinata di pepe. Versa la pastella sui carciofi e spolverizza con il grana padano grattugiato rimasto. Cuoci il clafoutis in forno già caldo a 180° per circa 25-30 minuti.

    Estrai la pirofila dal forno. Fai riposare il clafoutis per 5 minuti, spolverizza, a piacere, con foglioline di prezzemolo e porta in tavola.

    Riproduzione riservata