Idee in cucina

Troccoli con ragù bianco di asparagi

5/5
  • Procedura 30 minuti
  • Cottura 15 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Troccoli con ragù bianco di asparagi


    invia tramite email stampa la lista
    Troccoli con ragù bianco di asparagi
    La trovi anche su:

    Pasta fresca, asparagi, prosciutto cotto e panna: i troccoli con ragù bianco di asparagi sono un primo piatto primaverile perfetto per i grandi eventi (dal pranzo di Pasqua alla cena della Festa della mamma) come per la cucina di tutti i giorni. Si prepara infatti in meno di 30 minuti ed è davvero delizioso!

    Preparazione

    1) Pulisci la verdura Elimina la parte terminale più dura poi, con un pelapate, spella la scorza dei gambi. Sciacqua bene gli asparagi sotto acqua fredda corrente, poi tagliali a rondelle di circa 1 cm, conservando integre le punte e dividendole a metà in senso verticale. Spella e affetta finemente 2 scalogni.

    2) Prepara il sugo. Fai fondere 20 g di burro in una padella, unisci gli scalogni e lasciali appassire a fiamma dolce, poi aggiungi 40 g di pinoli e 100 g di prosciutto cotto in una sola fetta ridotto a dadini. Intanto, porta a ebollizione abbondante acqua in una pentola, salala, tuffa gli asparagi e falli scottare per per 3-4 minuti. Raccoglili con una schiumarola, tenendo da parte l'acqua di cottura; quindi trasferiscili nella padella con gli scalogni, falli saltare per qualche minuto, sala e pepa, poi aggiungi la noce moscata e le foglie trotate di 1 mazzetto di dragoncello.

    3) Cuoci la pasta. Intanto riporta a ebollizione l'acqua di cottura degli asparagi, cuoci 400 g di troccoli freschi o altra pasta di semola di grano duro molto al dente, scolala e versala nella padella con il sugo agli asparagi. Unisci 4 cucchiai di panna fresca e fai saltare a fuoco medio per 1 minuto finché la salsa sarà diventata cremosa, poi suddividi la pasta con ragù bianco di asparagi nei piatti.


    Erba aromatica dal sapore intenso, molto usata nella cucina francese. Il dragoncello è meglio se utilizzato fresco o congelato, perché in versione secca perde gran parte dell'aroma. Ottimo anche il burro al dragoncello: unisci 2 cucchiai di foglie fresche tritate a 100 g di burro ammorbidito a temperatura ambiente, amalgama bene poi rimettilo in frigo a rassodare. Usalo a fine cottura per aromatizzare pesce, uova e frutti di mare. Se non lo trovi, in alternativa puoi utilizzare erba cipollina.

    di CUCINA NO PROBLEM Riproduzione riservata