Torta dolce alle bietole

5/5
  • Procedura 1 ora 10 minuti
  • Cottura 10 minuti
  • Persone 6
  • Difficoltà media

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Torta dolce alle bietole


    invia tramite email stampa la lista

    Chi l'avrebbe mai detto che la bietola sarebbe stata un ottimo ingrediente per preparare un goloso dolce composto da pasta frolla. Questa torta dolce alle bietole, grazie alla presenza di frutta candita, vin santo e cannella, assume profumi e sapori del tutto nuovi e particolari. Da provare assolutamente!

    Preparazione

    1) Preparate la pasta frolla: miscelate 250 g di farina con 125 g di zucchero, formate la fontana, aggiungete 125 g di burro freddo a pezzetti e lavorate il tutto con le punte delle dita ottenendo un composto granuloso. Formate di nuovo la fontana, rompete al 1 uovo e 1 tuorlo, aggiungete la scorza grattugiata di mezzo limone non trattato, un pizzico di sale e impastate velocemente il tutto sino a ottenere un panetto liscio e morbido.

    2) Lavate 500 g di bietole, privatele dei gambi e scottatele per 20 minuti in acqua bollente non salata, quindi frullatele. Bagnate 300 g di mollica di pane 0,5 l di latte e ammollate 100 g di uvetta in 2 dl di Vin Santo, strizzatele e mescolatele in una terrina con la maggior parte della frutta candita tagliata a dadini e 150 g di zucchero; quindi aggiungete le bietole e unite anche 4 uova sbattute, una grattata di noce moscata e mezzo cucchiaino di cannella in polvere.

    3) Impastate e stendete la pasta frolla a uno spessore di circa mezzo centimetro. Imburrate e spolverate di zucchero uno stampo da forno, quindi sistematevi i 3/4 della pasta. Versate all'interno il composto a base di bietole. Con il resto della pasta formate un cordolo e coprite perfettamente i bordi dello stampo, sigillandolo bene alla base. Cospargete la superficie della torta con 50 g di pinoli e cuocete in forno a 180°C per circa 40 minuti. Lasciate raffreddare la torta e servitela affettata, guarnendo a piacere con il resto dei canditi.

    di LA CUCINA REGIONALE ITALIANA Riproduzione riservata