Idee in cucina

Spiedini di agnello al miele

4/5
  • Procedura 35 minuti
  • Cottura 20 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facilissima

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Spiedini di agnello al miele


    invia tramite email stampa la lista
    Spiedini di agnello al miele
    La trovi anche su:

    Gli spiedini di agnello al miele sono un secondo piatto veloce e facile da preparare. Gli spiedini vengono spennellati con il miele (si può anche aggiungere della senape), quindi impanati nel pangrattato a cui è stato aggiunto il pepe sbriciolato e l'aglio e quindi cotti in forno. Risultano quindi molto leggeri ma estremamente saporiti adatti a tutti i palati in quanto la presenza del miele stempera un po' il sapore forte della carne di agnello con la quale si sposa perfettamente. 

    Aggiungendo un contorno di verdure (e per i più piccoli - ma non solo- delle patatine fritte) il successo è assicurato!

    Preparazione

    1) Sbriciola il pepe. Metti i 4 tipi di pepe in un mortaio e lavora con il pestello, in modo da ottenere un mix non troppo sminuzzato. Se non possiedi il mortaio, avvolgi il pepe in un foglio di carta da forno e sbriciolalo, agendo con il batticarne. Mescola al pepe il pangrattato e l'aglio tritato.


    2) Prepara la carne. Elimina dalla polpa di agnello eventuali parti grasse e i nervetti. Taglia la carne a dadini di 1,5 cm di lato e infilzali, man mano, su spiedini di metallo o di legno. Se usi quelli di legno, prima di usarli, lasciali immersi in acqua fredda per 15 minuti e sgocciolali.


    3) Cuoci e servi. Spolverizza gli spiedini con sale e spennellali con il miele. Se il miele non fosse fuido, riscaldalo per qualche istante a bagnomaria. Spolverizza gli spiedini su tutti i lati con il mix di pepe e pangrattato. Ungi una pirofila con 2 cucchiai di olio e il burro, aggiungi gli spiedini e cuocili in forno gia caldo a 220°C per 5 minuti. Irrora con il brandy, abbassa la temperatura a 180°C e prosegui la cottura per altri 15 minuti, girandoli di tanto in tanto. Servili, a piacere, con radicchio di Castelfranco, insalatine novelle o patatine fritte.

    di CUCINA NO PROBLEM Riproduzione riservata