Spaghetti al ragù di totano

/5
  • Procedura 1 ora 5 minuti
  • Cottura 35 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Spaghetti al ragù di totano


    invia tramite email stampa la lista copia negli appunti

    Preparazione

    1) Pelate e tritate grossolanamente 1 cipolla e 2 spicchi d'aglio. Lavate sotto acqua fredda corrente 800 g di totani, eviscerateli ripulendo bene le sacche, sciacquateli di nuovo e con l'aiuto delle forbici tagliateli ad anelli. Metteteli in un recipiente di terracotta e poneteli sul fuoco, fateli cuocere fino a quando tutta l'acqua di cottura sarà evaporata (occorrono circa 5 minuti).

    2) Unite ai totani 1 dl di olio extravergine d'oliva, la cipolla e l'aglio tritati. Fate dorare bene il tutto continuando a mescolare e tenendo la fiamma moderata; aggiungete 100 g di passata di pomodoro, 4-5 foglie di basilico e 1 cucchiaino di zucchero. Continuate la cottura a fuoco molto basso per circa 20 minuti, finché i totani saranno teneri; se necessario aggiungete qualche cucchiaio di acqua calda. Nel frattempo portate a bollore abbondante acqua salata in una casseruola; lessate 350 g di spaghetti per circa 10 minuti mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.

    3) Scolate la pasta ben al dente, mescolatela con il ragù di totani, cospargete le foglioline di basilico intere o tagliuzzate e servite subito nei piatti da porzione.


    Vi presentiamo un ragù per condire la pasta ma, questa volta, di mare. Una opzione gustosa, facile nella sua realizzazione, dove il profumo del mare sprigionato dai totani si sposa alla perfezione con la nota acidula della passata di pomodoro (si possono usare anche pomodori freschi). Un sugo estivo ma adatto anche ai primi albori autunnali o al freddo invernale. Gli spaghetti al ragù di totano hanno la connotazione rustica tipica del sapore deciso del totano supportati dal pomodoro. Il totano viene spesso confuso con il calamaro ma si riconosce per il colore che tende al rosa-violaceo e dalle due pinne triangolari molto piccole rispetto al calamaro. È possibile usare questo sugo anche per realizzare un risotto o servirlo semplicemente sopra dei crostoni di pane abbrustolito.

    Scelti per te