Scafata (o baggiana)

  • Procedura
    55 minuti
  • Cottura
    40 minuti
  • Persone
    4
  • Difficoltà
    facilissima

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Scafata (o baggiana)

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    Scafata (o baggiana)

    1) Per prima cosa monda le bietole, tagliale a pezzetti e lavale bene sotto l'acqua corrente. Sbuccia e trita fini i cipollotti. Sguscia le fave e scottale pochi secondi in abbondante acqua bollente salata (così facendo mantengono il loro colore verde brillante). Lava e taglia a tocchetti i pomodori.

    2) Taglia il guanciale a dadini. Monda il finocchietto e sminuzzalo. Scalda in un tegame (meglio se di coccio) quattro cucchiai d'olio. Poi unisci i cipollotti tritati e il finocchietto spezzettato e lascia soffriggere cinque minuti. Aggiungi il guanciale, mescola e fai insaporire a fuoco vivace altri cinque minuti.

    3) Aggiungi le fave e le bietole. Mescola con un cucchiaio di legno, metti il coperchio e lascia cuocere dieci o quindici minuti a
    fuoco basso.

    4) Completa con i pomodori e prosegui la cottura finché le fave sono tenere (ci vorranno ancora quindici minuti). Bagna con acqua bollente, se necessario. Regola di sale e pepe, profuma con la mentuccia lavata e spezzettata e servi.

    Scafata (o baggiana)

    La Scafata (o baggiana) è un piatto tipico della cucina tradizionale umbra. Questo piatto povero viene preparato nella stagione primaverile e il suo nome, "scafata" deriva dalla denominazione dialettale del baccello, chiamato appunto "scafo".


    Riproduzione riservata