Risotto con la salsiccia

4/5
  • Procedura 3 ore 30 minuti
  • Cottura 3 ore
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Risotto con la salsiccia


    invia tramite email stampa la lista

    Il risotto è un primo piatto molto apprezzato della nostra cucina, ottimo in tutte le sue varianti e perfetto per ogni occasione. Il risotto con la salsiccia è tipico della regione Toscana, è molto saporito e piacevolmente aromatizzato dallo zafferano. I vini consigliati per accompagnare questo piatto sono l'Elba Ansonica (bianco) e l'Alto Adige Schiava (rosso).

    Preparazione

    1) Preparate il brodo di carne. In un capiente tegame versate 2 cucchiai di olio, unite mezza cipolla tritata finemente e fatela imbiondire per 2 minuti; quindi aggiungete 150 g di salsiccia, privata del budello e spezzettata. Lasciate rosolare per 5 minuti, quindi bagnate con 0,8 dl di vino bianco secco e fatelo evaporare.

    2) Aggiungete 320 g di riso Carnaroli, fatelo tostare per 2 minuti a fiamma vivace, continuando a mescolare. Cuocete per 20 minuti, mescolando spesso e aggiungendo un mestolo di brodo quando il riso è troppo asciutto. Regolate di sale a metà cottura. Quando mancano 2 minuti al termine della cottura, aggiungete una bustina di zafferano stemperato in 1 cucchiaio d'acqua.

    3) Togliete il risotto dal fuoco, aggiungete 30 g di burro a pezzetti e 50 g di parmigiano grattugiato, coprite con il coperchio e lasciate riposare per 2 minuti in modo che possa ben mantecare. Scoperchiate, mescolate rapidamente e servite ben caldo.

    4) Per la preparazione di 1 l di brodo di carne: mettete 500 g di polpa di manzo in una pentola con 1,5 l di acqua. Solo quando entra in ebollizione aggiungete 1 carota, 1 costa di sedano, 1 cipolla, 1 spicchio d'aglio e 1 porro, pulite. Unite anche 1 foglia di alloro e 1 ciuffo di prezzemolo, legati a mazzetto, 1 chiodo di garofano e una presa di sale. fate riprendere l'ebollizione e lasciate cuocere a fuoco bassissimo per circa 2 ore e 30 minuti senza schiumare. A fine cottura filtrate il brodo attraverso un telo fine.


    di LA CUCINA REGIONALE ITALIANA Riproduzione riservata