Polpette al sugo piccante

5/5
  • Procedura 1 ora
  • Cottura 40 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Polpette al sugo piccante


    invia tramite email stampa la lista

    Un grande classico della cucina italiana del Sud: le polpette al sugo piccante preparate secondo una ricetta facilissima e deliziosa. Da provare sia con impasto tradizionale a base di carne che con impasto arricchito ai funghi champignon. Che bontà!

    Preparazione

    1) Mescolate a 350 g di carne tritata di manzo o maiale 1 uovo sbattuto, 40 g di parmigiano grattugiato, 40 g di ricotta, 1 spicchio di aglio tritato, 1 cucchiaio di prezzemolo sminuzzato, sale e un pizzico di peperoncino. Se il composto è troppo morbido, unite 1 cucchiaio di pangrattato. Ricavate tante polpette, grandi come una noce, e passatele uniformemente nella farina.

    2) Friggete le polpette in una padella con 1/4 bicchiere di olio extravergine d'oliva, girandole più volte per dorarle. Sgocciolatele su carta da cucina ed eliminate l'olio di frittura. Scaldate, nella stessa padella, l'olio extravergine d'oliva rimasto, 1 ciuffo di salvia, 500 g di passata di pomodoro e un pizzico di peperoncino.

    3) Trasferite le polpette di carne nella salsa, cuocete per 15 minuti a fuoco medio e salate. Fate intiepidire e portatele in tavola, altrimenti potete conservarle in frigorifero per 1-2 giorni, chiuse in un contenitore per alimenti.


    Le polpette di carne classiche non vi bastano? Provate la variante sfiziosissima con i funghi nell'impasto. Procedete così: pulite 250 g di champignon, tritateli e fateli appassire in una padella con un filo di olio extravergine d'oliva e 1 spicchio di aglio. Salate, pepate ed eliminate l'aglio. Mescolate i funghi tiepidi in una ciotola con 200 g di carne bovina macinata, 100 g di salsiccia spellata e sbriciolata, 1 uovo, 1 cucchiaio di pangrattato, 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato e 1 mazzetto di prezzemolo tritato. Regolate di sale e pepe, formate le polpette e infarinatele.

    di CUCINA MODERNA Riproduzione riservata