Idee in cucina

Pizza con i wurstel e cipolle rosse

5/5
  • Procedura 1 ora
  • Cottura 20 minuti
  • Persone 6
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Pizza con i wurstel e cipolle rosse


    invia tramite email stampa la lista
    Pizza con i wurstel e cipolle rosse
    La trovi anche su:
    • 1) Fate la pasta. Sbriciolate il lievito in una ciotola e scioglietelo con lo zucchero nell'acqua minerale liscia tiepida. Versate la farina a fontana sulla spianatoia, mettete al centro 20 g di burro a tocchetti e l'acqua con il lievito e lo zucchero.Iniziate a lavorare, unendo un pizzico di sale e l'acqua frizzante e impastate gli ingredienti, fino a ottenere una pasta elastica e liscia, non appiccicosa. Formate una palla, ungetela di olio, mettetela in una ciotola, incidetela a croce e copritela con un telo. Fate lievitare per 2 ore.
    • 2) Preparate le cipolle. Spellate e affettate sottili le cipolle e fatele stufare per 5 minuti in una padella con il burro rimasto. Salate, pepate, aggiungete il vino e fatelo sfumare a fiamma viva, poi spegnete il fuoco.
    • 3) Stendete le pizze. Suddividete la pasta in 6 panetti, schiacciateli con le nocche delle mani, in modo da far uscire l'aria, poi stendeteli in dischi di 1 cm circa di spessore. Sistemateli in 6 teglie da pizza unte con un filo di olio, distribuitevi sopra le cipolle e cuocetele in forno già caldo a 230° per circa 15 minuti.

    • 4) Completate. Tuffate i wurstel in acqua bollente, scolateli, tagliateli a rondelle, distribuiteli sulle pizze, rimettetele in forno e proseguite la cottura per 5 minuti circa.

    • 5) Servite le pizze con wurstel e cipolle rosse calde.


      Per saperne di più

      La lievitazione consiste nel lasciar riposare la pasta, coperta, per circa 2 ore, a temperatura costante, così il lievito produce gas e gonfia l'impasto. L'aggiunta di un pizzico di zucchero, miele o malto d'orzo (nei negozi di alimenti naturali) favorisce il processo. Quando la pasta avrà roddoppiato di volume, va distesa con la pressione prima delle nocche e poi delle dita.

    di IN TAVOLA Riproduzione riservata