Paté di anatra all’arancia

5/5
  • Procedura 1 ora 10 minuti
  • Cottura 30 minuti
  • Persone 6
  • Difficoltà media

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Paté di anatra all’arancia


    invia tramite email stampa la lista

    Un antipasto morbido e saporito dalla presentazione creativa, lo sformato a base di carne d'anatra e formaggio fresco all'aroma di agrumi è ideale da servire nel cenone di capodanno. Il patè di anatra all'arancia si cuoce in casseruola e viene servito freddo, ottimo se accompagnato con fresche foglie di insalata e pane tostato. 

    • 1 Rosola l'anatra. Prepara la gelatina, seguendo le indicazioni riportate sulla confezione, sostituendo 1 dl di acqua con un dl di vino passito. Priva 700 g di petti d'anatra della pelle e tagliali a dadi. Lega 3 rametti di timo con spago da cucina. Spella e trita lo scalogno e rosolalo in una casseruola con 20 g di burro, la carne e il timo. 
    • 2 Prosegui la cottura. Lava e asciuga 3 arance non trattate, preleva 3 strisce di scorza con l'aiuto di un pelapatate, poi spremine 2 e filtra il succo. Condisci la carne con sale e una macinata di pepe; quindi aggiungi la scorza e il succo delle arance. Mescola e prosegui la cottura a fuoco basso e a tegame coperto, per circa 15 minuti. Lascia intiepidire la carne ed elimina le scorze di arancia e il timo. Trasferiscila nel mixer con 1 dl di gelatina liquida. Versa quella rimasta in una piccola teglia, dandole uno spessore di 3-4 mm e mettila in frigo.
    • 3 Frulla e completa. Frulla la carne con 100 g di ricotta morbida fino a ottenere un composto cremoso. Fodera lo stampo con un foglio di pellicola. Riempilo con il composto versato a cucchiaiate, premendo e livellando di volta in volta, in modo che non rimangano bolle d'aria all'interno. Metti in frigo per circa 6 ore. Ricava dalla gelatina tante stelline con l'apposito stampino. 
    • 4 Lava e asciuga un cespo di indivia e tagliala a listarelle. Sforma il paté su un piatto da portata e decoralo con le stelline, l'indivia, l'arancia rimasta a fettine e foglioline di timo.
    di CUCINA NO PROBLEM Riproduzione riservata