Idee in cucina

Mazzetti di asparagi mimosa

4/5
  • Procedura 35 minuti
  • Cottura 10 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facilissima

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Mazzetti di asparagi mimosa


    invia tramite email stampa la lista

    Preparazione

    1) Eliminate la parte più dura dei gambi di 800 g di asparagi, pelateli con uno sbucciatore, un pelapatate o un coltellino affilato; allineateli sul tagliere e pareggiateli tagliando via la parte più coriacea finale. Quindi lavateli velocemente sotto l'acqua corrente e tagliateli a metà per il lungo, se sono grossi.

    2) Cuocete gli asparagi a vapore, al dente oppure lessateli nell'asparagiera. In questo secondo caso legate gli asparagi in 8 mazzetti con spago da cucina e disponeteli all'interno del cestello. Mettete il cestello nella pentola e versate acqua sufficiente ad arrivare a 4 dita dalle punte. Togliete il cestello con gli asparagi dalla pentola, portate l'acqua a ebollizione, salatela, rimettete il cestello nella pentola, coprite con il coperchio e fate cuocere per 8 minuti. 

    3) Mentre gli asparagi cuociono fate rassodare in un pentolino 2 gresse uova cuocendole 8 minuti a partire dal bollore. Prelevate gli asparagi cotti e, se non l'avete già fatto, divideteli in 8 mazzetti quindi avvolgeteli con una fetta sottile di formaggio fondente tipo emmental oppure fontina o ancora delle semplici sottilette, fatelo subito e velocemente in modo che il formaggio si sciolga con il calore; poi sistemate i mazzetti in 4 piatti.

    4) Fate sciogliere 30 g di burro in un tegamino a fuoco basso con un paio di rametti di maggiorana. Cospargete i mazzetti con il tuorlo sodo fatto passare nelle maglie di un colino, versate sopra il burro profumato, salate a piacere e spolverizzate con qualche bacca di pepe rosa.


    Bianchi, verdi, violetti... gli asparagi sono il vanto di diverse regioni italiane. Per questo piatto vi consigliamo gli asparagi verdi; fra i migliori, quelli di Altedo (IGP), coltivati nella provincia di Ferrara e in parte in quella di Bologna. Sono teneri e mai fibrosi, tanto che, tagliati a lamelle sottilissime nel senso della lunghezza, si possono anche servire crudi in pinzimonio. Se vi piacciono, potete provare anche il bianco di Bassano Dop morbido e delicato o il violetto, sodo, dolce e burroso come quello di Albenga.

    di SALE&PEPE Riproduzione riservata