Feies da marmulada o frittelle alla marmellata

4/5
  • Procedura 1 ora 5 minuti
  • Cottura 25 minuti
  • Persone 6
  • Difficoltà media

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Feies da marmulada o frittelle alla marmellata


    invia tramite email stampa la lista

    Preparazione

    1) Formate la fontana con 300 g di farina e un pizzico di sale, sgusciate al centro 1 uovo, unite 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva e cominciate a impastare. Aggiungete 2 dl di latte non freddo e lavorate a piene mani, fino a ottenere una pasta omogenea. Dividetela in due parti e lasciatela riposare per un paio d'ore.

    2) Quindi, stendete una parte di pasta con il matterello in una sfoglia sottile e da questa ricavate con la rotella dentellata delle strisce larghe 12 cm. Spalmate sulla metà delle strisce uno strato di confettura di albicocche, poi sovrapponete una seconda striscia e premete i contorni. Quindi con le due mani tirate delicatamente la striscia farcita fino a che avrà raddoppiato la lunghezza originaria.

    3) Con la rotella dentellata tagliate le strisce a rombi, premendo con le dita in corrispondenza del taglio, per saldare i due strati di pasta e non far uscire la marmellata. Procedete alla preparazione dei rombi con la seconda parte di pasta.

    4) Fate scaldare l'olio per friggere nella padella di ferro per fritti, immergetevi i rombi capovolgendoli rispetto alla posizione che avevano sulla spianatoia. Fateli friggere, irrorando con l'olio bollente la parte superiore dei rombi, fino a che sarà ben dorata.

    5) Passate le frittelle alla marmellata a perdere l'unto su carta assorbente da cucina e servitele preferibilmente calde.


    Dolcetti di carnevale tipici della tradizione del Trentino Alto Adige, golosi saccottini fritti ripieni di marmellata da gustare per merenda. I feies de marmulada che tradotto in italiasno significa frittelle alla marmellata, si preparano con pochi e semplici ingredienti. I vini consigliati per accompagnare questi dolcetti sono l' Alto Adige Moscato Rosa (rosso), l' Oltrepò Pavese e il Sangue di Giuda (rosso).

    di LA CUCINA REGIONALE ITALIANA Riproduzione riservata