Idee in cucina

Crauti con le mele

4/5
  • Procedura 1 ora 40 minuti
  • Cottura 1 ora 10 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Crauti con le mele


    invia tramite email stampa la lista
    Crauti con le mele
    La trovi anche su:

    Preparazione

    1) Pulisci 1 cipolla bionda. Spuntala, spellala e tagliala a fettine sottili. Sciacquala, poi trasferiscila in una padella e mettila a stufare con 2 cucchiai di brodo di verdure e 6 bacche di ginepro schiacciate. Copri e prosegui la cottura a fiamma molto bassa, per 3-4 minuti, finché sarà appassita.

    2) Aggiungi la mela. Sbuccia 1 mela Golden, privala del torsolo e tagliala a fettine molto sottili. Versa metà delle fettine nella pentola con la cipolla stufata, mescola, copri e prosegui la cottura per altri 3-4 minuti.

    3) Cuoci i crauti. Intanto, apri 1 barattolo di crauti al naturale da 400 g, versali in un colino e falli sgocciolare bene dal liquido di conservazione. Trasferiscili nella pentola con mela e cipolla, aggiungi brodo caldo fino a coprirli, metti il coperchio e cuocili per 40 minuti.

    4) Nel frattempo, lascia ammorbidire 20 g di burro a temperatura ambiente e mescolalo con 1 cucchiaino da caffè di amido di mais (maizena). Unisci ai crauti le fette di mela rimaste, regola di sale, rimetti il coperchio e cuoci per altri 20 minuti. A cottura ultimata, incorpora il burro preparato, mescola e servi.


    I crauti con le mele sono un contorno di verdure in padella facile, saporito e soprattutto light! Una portata di questa preparazione apporta bene o male solo 100 calorie.

    I crauti sono una preparazione di origine tedesca, oggi diffusa in tutta Europa, fatta con cavoli cappuccio affettati, salati e lasciati fermentare per circa 4 settimane. Nei Paesi di cultura tedesca e in Alto Adige vengono ancora preparati artigianalmente in casa. Quelli in barattolo si trovano però ormai con facilità nei supermercati: dopo averli sgocciolati, vanno sciacquati e messi a cuocere con burro, strutto o lardo, bacche di ginepro e vino bianco o brodo. Si accompagnano tradizionalmente con carni bollite, wurstel, cotechini, zamponi e salumi vari.

    di CUCINA NO PROBLEM Riproduzione riservata