Carpione di calamari fritti

4/5
  • Procedura 50 minuti
  • Cottura 20 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà media

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Carpione di calamari fritti


    invia tramite email stampa la lista

    Preparazione

    1) Tagliate 2 cipolle rosse a fette sottili, in modo da ottenere tanti anelli, e rosolatele per qualche minuto in una casseruola con poco olio. Unite un rametto di rosmarino, qualche foglia di alloro e un cucchiaino di grani di pepe e lasciate insaporire sul fuoco ancora un paio di minuti. Quindi versate 2 bicchieri di aceto nella casseruola e portate a ebollizione.

    2) Passate 600 g di anelli di calamari in un piatto con abbondante farina, metteteli in un grosso colino e scrollate con cura la farina in eccesso. Poi tuffateli, pochi per volta, in una padella con abbondante olio caldo. Scolateli man mano dall'olio e appoggiateli su un foglio di carta assorbente da cucina.

    3) Mettete sul fondo di una terrina uno strato di anelli di calamari fritti, distribuitevi sopra qualche anello di cipolla e proseguite in modo da alternare i due ingredienti. Infine, versatevi sopra l'aceto ancora ben caldo. Lasciate riposare il carpione, meglio se in luogo fresco, per qualche ora prima di servirlo, in modo che i calamari assorbano il gradevole sapore dell'aceto aromatico.


    Un secondo piatto di mare dal sapore acidulo e particolare dell'aceto; il carpione di calamari fritti è originale nel gusto perfetto per i palati più esigenti. I calamari anche se fritti sono leggeri perfetti per una cena tra amici e accompagnati da un buon bicchiere di vino bianco.

    di SALE&PEPE Riproduzione riservata