Zuppetta di polenta con verdure

5/5
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Zuppetta di polenta con verdure


    invia tramite email stampa la lista
    Zuppetta di polenta con verdure
    La trovi anche su:

    Preparazione

    1) Prepara una polenta morbida con 100 g di farina di mais fine (fioretto) e 100 g di farina di segale. Sbuccia 200 g di patate e 1 carota, lavale e tagliale a cubetti. Lava 1 costa di sedano e riducila a dadini; lava 4 foglie di cavolo verza e tritale grossolanamente.

    2) Versa 2 litri di brodo di verdure in una casseruola, unisci le patate, il sedano, la verza e le carote e porta a ebollizione. Prosegui la cottura a pentola coperta per 10 minuti, poi aggiungi 1 barattolo di fagioli borlotti sgocciolati dal liquido di conservazione e sciacquati sotto acqua corrente. Regola di sale, quindi aggiungi la polenta preparata e mescola bene.

    3) Trita finemente gli aghi di 1 rametto di rosmarino con 1 spicchio di aglio e 50 g di lardo. Versa la zuppetta di polenta con verdure in ciotole e servila con al centro 1 cucchiaio del pesto di lardo preparato.


    La zuppetta di polenta con verdure è un'alternativa in chiave gourmet di un piatto della tradizione assai goloso: la classica polenta. Una ricetta base della cucina povera e preparazione tipica delle regioni del Nord Italia, che di per sé è facilmente adattabile sia al dolce che al salato, al ragù come alle verdure. Può essere usata come accompagnamento ad altre pietanze, ma anche come gustoso e ricco piatto unico.

    La segale è un cereale antichissimo, conosciuto e utilizzato da circa 3000 anni. Facile da coltivare, perché si adatta bene anche alle altitudini elevate, ai climi freddi e non richiede particolari concimi. L’uso più comune della farina di segale è quello della preparazione del pane. Nella tradizione nordica, veniva fatto poche volte l'anno, cotto nei forni comuni per tutti gli abitanti del villaggio. Poi, appeso a rastrelliere, si faceva seccare per la conservazione.

    di IN TAVOLA Riproduzione riservata