Strucchi o struccoletti lessi

5/5
  • Procedura 1 ora 50 minuti
  • Cottura 1 ora
  • Persone 4
  • Difficoltà media

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Strucchi o struccoletti lessi


    invia tramite email stampa la lista

    ingredienti
    70 g di uvetta
    200 g di noci sgusciate
    120 g di burro
    50 g di pangrattato
    50 g di pinoli
    40 g di zucchero semolato
    0,5 dl di vino bianco secco
    la scorza di 1 limone
    non trattato
    2 cucchiaini di cannella in polvere
    60 g di zucchero al velo vanigliato
    per la pasta
    300 g di farina bianca
    200 g di patate
    sale
    vini consigliati
    Colli Orientali del Friuli Picolit (bianco)
    Loazzolo (bianco)

    Preparate la pasta: lavate le patate, mettetele in una pentola, copritele di acqua, aggiungete una presa di sale e cuocetele per circa 40 minuti dal momento dell'ebollizione. Sgocciolatele, pelatele e passatele allo schiacciapatate raccogliendole sul piano di lavoro.
    Fate la fontana, distribuitevi la farina e impastate con le mani fino ad avere una pasta liscia e omogenea abbastanza consistente. Lasciatela riposare.
    Intanto ammollate l'uvetta in acqua tiepida e tritate finemente le noci. Sciogliete in un tegame 70 g di burro e rosolatevi il pangrattato e i pinoli fino a quando cominciano a prendere colore. Amalgamate in una ciotola lo zucchero, il trito di noci, l'uvetta scolata e asciugata, il vino, la scorza grattugiata del limone e il composto di pangrattato e pinoli.
    Tirate la pasta allo spessore di 2-3 mm, ricavate tanti dischi di circa 6 cm e distribuitevi al centro il ripieno. Inumidite i bordi tutto attorno, ripiegate a metà la pasta sul ripieno e sigillate gli strucchi premendo con le dita.
    Lessateli in abbondante acqua bollente per 10 minuti. Scolateli e poneteli su un piatto da portata caldo. Fate soffriggere in un tegamino 50 g di burro, distribuitelo sui dolcetti, cospargeteli con lo zucchero al velo vanigliato fatto scendere da un setaccino insieme alla cannella e servite.



    di LA CUCINA REGIONALE ITALIANA Riproduzione riservata