Reginette con ragù di tonno fresco e pomodoro

4/5
  • Procedura 35 minuti
  • Cottura 25 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Reginette con ragù di tonno fresco e pomodoro


    invia tramite email stampa la lista

    Preparazione

    1) Sbuccia 1 spicchio di aglio e 1/2 cipolla e tritali finemente. Procurati 250 g di tonno fresco in una sola fetta e taglialo a dadini molto piccoli. Metti 6 cucchiai di olio extravergine d'oliva in un largo tegame antiaderente, unisci il trito di cipolla e aglio e falli leggermente rosolare senza che si brucino

    2) Aggiungi al soffritto ben dorato 400 g di polpa di pomodoro, insaporisci con un pizzico di sale, di pepe e con 1 cucchiaino
    di origano e fai cuocere il sugo a fuoco moderato per 15 minuti, mescolando di tanto in tanto. Unisci la dadolata di
    tonno fresco solo quando il sugo si è ben addensato e poi aggiungi anche 80 g di olive taggiasche snocciolate tagliate a fettine. Continua la cottura per altri dieci minuti.

    3) Metti sul fuoco una pentola di acqua, aggiungi un po' di sale grosso (non troppo perché il sugo è già salato) e falla bollire. Butta 320 g di pasta di semola di grano duro e falle lessare. Scolale piuttosto al dente e versale subito nel tegame con il ragù di tonno. Unisci il basilico mondato, lavato e tritato e fai saltare la pasta a fuoco vivace per qualche istante in modo che si condisca e si insaporisca bene.

    4) Servi subito le reginette con ragù di tonno fresco e pomodoro ben calde direttamente nei piatti, aggiungendo un'abbondante macinata di pepe.


    Le varianti di questa ricetta possono essere infinite ma le radici sono ben radicate nella Sicilia gastronomica che tutte ben conosciamo. Un ragù di mare veloce, profumato ed estremamente gustoso che, grazie all’utilizzo di tonno fresco, lo rende anche prelibato e che stupirà i vostri commensali. Per creare qualche variante altrettanto sfiziosa, si possono utilizzare altre tipologie di pesce: pescespada, tonnetto, palamita, ricciola… così come altri tipi di pasta (perfetti anche i paccheri!). Insomma, non resta altro che dare spazio alla fantasia e creatività.

    di DONNA MODERNA Riproduzione riservata