Ravioli aperti alla romagnola

5/5
  • Procedura 1 ora
  • Cottura 30 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Ravioli aperti alla romagnola


    invia tramite email stampa la lista

    Forse non avreste mai immaginato che esistano un piatto chiamato "ravioli aperti" e invece oggi rimarrete stupiti: si tratta di una ricetta tipica della regione romagnola, che si può preparare con i più svariati ripieni. Ecco come realizzare i ravioli aperti alla romagnola.

    Preparazione

    1) Spellate 150 g di salsiccia e sbriciolatela. Tagliate 300 g di erbette o bietoline a listarelle e lavatele. Portate a ebollizione abbondante acqua salatela e unite 2 cucchiai di olio. Immergetevi 2 sfoglie per lasagne alla volta, per 1 minuto, sgocciolale, raffreddale in acqua e ghiaccio e stendetele su più strati di carta da forno, senza sovrapporle.

    2) Rosolate la salsiccia con 1 cucchiaio di olio per 2-3 minuti. Irrorate con 1 dl di vino, fatelo evaporare e proseguite la cottura per altri 5-6 minuti. Togliete la salsiccia, mettete nel fondo di cottura il cipollotto tritato e le erbette e cuocete per 3-4 minuti; salate, pepate e trasferite le erbette in un colino a sgocciolare.

    3) Tagliate la pasta in 8 dischi con un tagliapasta di 10-12 cm di diametro. Disponetene 4 sulla placca foderata con carta da forno, coprite con metà  delle erbette, un po' di parmigiano reggiano, la salsiccia e 200 g di squacquerone. Proseguite con le erbette rimaste, tranne 2 cucchiai, e altro parmigiano reggiano. Chiudete con i dischi rimasti. Mettete su ciascun raviolo 1 fiocchetto di burro e altro parmigiano reggiano e passateli in forno a 200° per 2'.

    Decorate con le erbette rimaste.

    di IN TAVOLA Riproduzione riservata