Budino all’avena

5/5
  • Procedura 9 ore 10 minuti
  • Cottura 40 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà media

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Budino all’avena


    invia tramite email stampa la lista copia negli appunti

    Preparazione

    1) Prericaldate il forno a 180 °C. Distribuite su una placca 150 g di chicchi di avena lasciandone da parte una manciata, infornateli e lasciateli tostare per una decina di minuti, rigirandoli un paio di volte.

    2) Trasferite i chicchi di avena in una casseruolina, unite 6 dl di latte, ponete sul fuoco e, sempre mescolando con un cucchiaio di legno, fateli cuocere a fuoco moderato per circa 20 minuti dal momento dell'ebollizione.

    3) Togliete dal fuoco, lasciate raffreddare il latte mescolando con un cucchiaio di legno e filtratelo attraverso un colino. Sbattete in una casseruolina 6 tuorli e 150 g di zucchero con una frusta, quindi incorporatevi il latte, poco per volta. Ponete su fuoco basso e, sempre mescolando con un cucchiaio di legno, fate addensare la crema facendo attenzione che non alzi il bollore.

    4) Prendete 6 stampini monoporzione, (oppure uno stampo da budino della capacità di circa 1 l), bagnatene uniformemente l'interno con il Marsala, quindi lasciate che il vino si depositi sul fondo. Versate poi delicatamente negli stampi la crema e lasciatela raffreddare per un paio d'ore.

    5) Trascorso questo tempo, ponete gli stampini in frigorifero e lasciate raffreddare e solidificare i budini per almeno 6 ore, prima di servirli capovolti su un piatto da portata. Guarniteli con i chicchi di avena che avevate messo da parte.

    Il budino è un dessert morbido e cremoso a base di latte che si serve freddo, adatto a tutte le occasioni. Il budino all'avena è tipico della regione Friuli Venezia Giulia, per la preparazione servono pochi e semplici ingredienti che fanno di questo dolce una delizia unica. I vini consigliati per accompagnare questo dolce sono: il Friuli Aquileia Verduzzo Friulano amabile (bianco) e la Malvasia delle Lipari (bianco).















    di LA CUCINA REGIONALE ITALIANA Riproduzione riservata
    Stampa
    Scelti per te