tataki-di-manzo immagine

Tataki di manzo

  • Procedura
    30 minuti
  • Cottura
    5 minuti
  • Persone
    4
  • Difficoltà
    facile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Tataki di manzo

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Chiamato tataki o anche tosa-mi perché originario di Tosa, in Giappone, è una tecnica di preparazione di pesce (di solito tonno) e carne, tipica di questa cucina che, pur richiedendo diversi passaggi, non è complicata. Il nome significa "pestato" e non si riferisce alla carne o al pesce, ma al condimento con lo zenzero fresco che, in origine, era preparato al mortaio e lavorato con il pestello.

    Cuoci la carne. Lava, asciuga e massaggia 400 g di filetto di manzo (la parte centrale) con 1 pizzico abbondante di sale e pepe. Scalda la piastra e scotta la carne uniformemente per 2-3 minuti o finchè sarà rosolato all'esterno. Immergilo subito in acqua ghiacciata per fermare la cottura. Sgocciola la carne, asciugala tamponandola con carta assorbente da cucina e lasciala riposare.

    Fai il condimento. Sbuccia 5 cm di zenzero fresco, grattugiane 1 cucchiaino e spremi il resto con lo spremiaglio fino a ottenere 1 cucchiaino di succo. Emulsiona bene con la frusta 2 cucchiai di olio extravergine di oliva con 1 cucchiaio di aceto di riso o di mele, 1 cucchiaio di saké, 1/2 cucchiaino di senape, 1 spicchio di aglio tritato, 2 cucchiai di salsa di soia (shoyu), lo zenzero grattugiato, il suo succo, 1 cucchiaino di zucchero e 1/2 cucchiaino di olio di sesamo o di semi di arachidi.

    Completa il piatto. Affetta finemente il filetto, nel senso opposto alle venature, ricavando fettine di 1/2 cm di spessore. Lava 2 mazzetti di misticanza e asciugala, affetta 1 cipollotto pulito. Distribuisci l'insalata e il cipollotto in 4 piatti e sistemaci sopra le fette di carne, sovrapponendole leggermente.

    Porta in tavola. Spolverizza con 50 g di semi di sesamo scuri e chiari (misti) e irrora il tataki di manzo con un poco del condimento preparato (servi a parte il rimanente in una ciotola).

    Riproduzione riservata