Idee in cucina

Pizza rustica di Santa Chiara

4/5
  • Procedura 1 ora
  • Cottura 30 minuti
  • Persone 8
  • Difficoltà media

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Pizza rustica di Santa Chiara


    invia tramite email stampa la lista
    Pizza rustica di Santa Chiara
    La trovi anche su:

    La pizza rustica di Santa Chiara è un lievitato salato a base di patate, formaggi e salumi, perfetta per un buffet o una gita fuori porta come il classico pic nic di Pasquetta. 

    Morbida e saporita, è un piatto tipico della tradizione napoletana tanto che il nome deriva dal monastero di Santa Chiara a Napoli dove veniva preparata dalle monache durante il periofo pasquale quando, ai giorni di magro e digiuno, seguivano quelli della festività.

    E' una ricetta semplice da realizzare e il sapore bilanciato conquisterà fin dal primo assaggio. La sapidità degli insaccati si amalgama con la dolcezza delle patate e della farina, il tutto insaporito dall'aroma tipico della scamorza che conferisce un sapore unico e irresistibile. Se gli ospiti sono vegetariani, si possono sostituire i salumi con cubetti di zucchine, melanzane e peproni. 


    Preparazione

    1) Sciogliete il lievito in una ciotola con un dl di acqua tiepida e lo zucchero. Incorporate 5 cucchiai di farina, lavorate il tutto, formate un panetto morbido e lasciatelo lievitare, coperto, per almeno un'ora. Setacciate la farina rimasta con 2 cucchiaini di sale, fate una fontana, versate al centro l'acqua rimasta, unite il panetto lievitato, le patate schiacciate, il burro e la scamorza a pezzetti, le uova il prosciutto e una macinata di pepe.


    2) Lavorate l'impasto almeno 10 minuti, formate una palla, disponetela in una ciotola leggermente unta d'olio, praticate 2 tagli a croce sulla superficie, coprite la ciotola e lasciate lievitare la pasta per 2 ore o finché è raddoppiata di volume.


    3) Stendete l'impasto in una teglia di 26 cm circa unta d'olio e cuocetela in forno a 200° per circa mezz'ora. Servite la pizza tiepida o fredda.

    di CUCINA MODERNA Riproduzione riservata