Idee in cucina

Corna di gazzella o kaab al ghazal

4/5
  • Procedura 30 minuti
  • Cottura 10 minuti
  • Persone 8
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Corna di gazzella o kaab al ghazal


    invia tramite email stampa la lista
    Corna di gazzella o kaab al ghazal
    La trovi anche su:

    Preparazione

    1) Lavora la pasta di mandorle per ammorbidirla, uniscivi 10 grammi di burro morbido, 1 cucchiaino di cannella e 1 cucchiaio di acqua di fiori d'arancio e continua a lavorare la pasta finché sarà omogenea. Forma 18 cilindri di 1,5 centimetri di spessore e 6 centimetri di lunghezza e mettili in frigo per 2 ore.

    2) Disponi la farina a fontana sulla spianatoia, nel centro metti un pizzico di sale e 1,5 decilitro di acqua tiepida, quindi impasta bene il composto fino a ottenere una pasta morbida, liscia ed elastica. Stendila molto sottile con il matterello e ricavane 18 striscioline di 10x5 centimetri, poi appoggia i bastoncini di pasta di mandorle al centro dei rettangoli preparati, avvolgili con la pasta e sigillala bene con le dita inumidite di acqua fredda.

    3) Taglia la pasta in eccesso, piega i bastoncini a ferro di cavallo e disponili sulla placca foderata con della carta da forno unta con il burro rimasto. Cuoci i dolcetti in forno, già caldo, a 180° C per 10 minuti. Sfornali, spennelleli con un po' di acqua di fiori d'arancio e spolverizzali di cannella. Servi in tavola le corna di gazzella.


    Le corna di gazzellakaab al ghazal sono deliziosi biscotti alle mandorle di tradizione marocchina. Puoi portarli in tavola come gustosi dolcetti per concludere il pasto in perfetta armonia con le suggestioni di quel Paese. Servili con l’irrinunciabile tè alla menta (naturalmente in bicchieri di vetro) e accompagnali con un vassoio con altri pasticcini tipici, che puoi anche acquistare già pronti nei negozi di specialità alimentari arabe. Ottimi i makrout al miele, gli goriba all’acqua di fiori d’arancio, gli halva shebakia al sesamo, gli zucre coco al cocco o i baklava alle mandorle.

    di In Tavola Riproduzione riservata